Skip to content

L’azione revocatoria fallimentare e la recente riforma del 2005: disciplina, accadimenti storici e conseguenze sulle operazioni bancarie

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Scandroglio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Umberto Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

Non è cosa comune, oggi giorno, sentir parlare di revocatoria fallimentare, neppure in ambienti accademici o professionali; sembra quasi un argomento fuori moda, desueto, sembra come se si stesse parlando di taluni conflitti d’interesse della nostra Italia contemporanea: “cose che non esistono più”, “questioni d’altri tempi”.
La revocatoria fallimentare è defunta, si dice, è finita in tasca alle banche dopo il “crack” Parmalat, si rincara. Quel che è certo è che la riforma del 2005 (probabilmente catalizzata dagli avvenimenti di Collecchio, dei quali si dibatterà ampiamente nel corso della trattazione) ha contribuito, e molto, al ridimensionamento dell’operatività dell’azione revocatoria, aumentando gli atti non soggetti a impugnativa e dimezzando i periodi sospetti legali. E’ altrettanto certo che le banche, stando le cose come fino a poche settimane addietro, trarranno beneficio dalla riforma, dato che le rimesse in conto corrente bancario sono state escluse da revocatoria (“purché non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l’esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca” ). Chiaramente, nel momento dell’entrata in vigore della riforma, si trattava di interpretare il significato dell’inciso legislativo appena riportato, per capire in che termini le banche si sarebbero potute avvantaggiare della riforma. Stante la confusione del legislatore stesso e la varietà di interpretazioni sul punto, sono finalmente intervenute alcune sentenze dai contenuti molto significativi. Fra queste, una in particolare merita particolare attenzione, dato il carattere assolutamente innovativo: emessa dal tribunale Fallimentare di Milano, depositata il 25 maggio 2009, il carattere innovativo è rappresentato dal fatto che al suo interno è stato elaborato dal Giudice, assistito da un consulente tecnico, un metodo per il calcolo degli importi revocabili in relazione alle rimesse in conto corrente. Sarebbe prematuro analizzare il disposto di quest’ultima e delle altre sentenze in queste righe d’esordio, nelle quali preme, però, sottolineare che la partita dei curatori verso i creditori “più scaltri” è tuttora aperta, che la revocatoria non è ancora (del tutto) defunta, e che di certo non è fuori moda parlarne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Premessa Non è cosa comune, oggi giorno, sentir parlare di revocatoria fallimentare, neppure in ambienti accademici o professionali; sembra quasi un argomento fuori moda, desueto, sembra come se si stesse parlando di taluni conflitti d’interesse della nostra Italia contemporanea: “cose che non esistono più”, “questioni d’altri tempi”. La revocatoria fallimentare è defunta, si dice, è finita in tasca alle banche dopo il “crack” Parmalat, si rincara. Quel che è certo è che la riforma del 2005 (probabilmente catalizzata dagli avvenimenti di Collecchio, dei quali si dibatterà ampiamente nel corso della trattazione) ha contribuito, e molto, al ridimensionamento dell’operatività dell’azione revocatoria, aumentando gli atti non soggetti a impugnativa e dimezzando i periodi sospetti legali. E’ altrettanto certo che le banche, stando le cose come fino a poche settimane addietro, trarranno beneficio dalla riforma, dato che le rimesse in conto corrente bancario sono state escluse da revocatoria (“purché non abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l’esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca” 1 ). Chiaramente, nel momento dell’entrata in vigore della riforma, si trattava di interpretare il significato dell’inciso legislativo appena riportato, per capire in che termini le banche si sarebbero potute avvantaggiare della riforma. Stante la confusione del legislatore stesso e la varietà di interpretazioni sul punto, sono finalmente intervenute alcune sentenze dai contenuti molto significativi. Fra queste, una in particolare merita particolare attenzione, dato il carattere assolutamente innovativo: emessa dal tribunale Fallimentare di Milano, depositata il 25 maggio 2009, il carattere innovativo è rappresentato dal fatto che al suo interno è stato elaborato dal Giudice, assistito da un consulente tecnico, un metodo per il calcolo degli importi revocabili in relazione alle rimesse in conto corrente. Sarebbe prematuro analizzare il disposto di quest’ultima e delle altre sentenze in queste righe d’esordio, nelle quali preme, però, sottolineare che la partita dei curatori verso i creditori “più scaltri” è tuttora aperta, che la revocatoria non è ancora (del tutto) defunta, e che di certo non è fuori moda parlarne. 1 Così recita l’art. 67, terzo comma, del Regio Decreto num. 267/1942, meglio noto come Legge Fallimentare, come modificato dal D.L. 35/2005 convertito dalla legge 80/2005.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 67 legge fallimentare
art. 67 lf
azione revocatoria
curatore
d.l. 35/05
dimezzamento periodo sospetto
enron
esenzioni da revoca
fallimento
parmalat
parmalat e enron
periodo sospetto legale
procedura fallimentare
revocatoria
revocatoria fallimentare
riforma legge fallimentare
rimesse in conto corrente
rimesse su conto corrente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi