Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro a tempo parziale in Italia alla luce del decreto Salvi del 28/01/2000: normativa e analisi dei costi

Il lavoro a tempo parziale in Italia alla luce del decreto Salvi del 28/01/2000: normativa e analisi dei costi.
Confronto costi, con casi pratici di due settori, tra lavoratori part-time e lavoratori a tempo pieno.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Da alcuni anni ormai in buona parte dei paesi dell’Unione Europea il part-time è utilizzato quale strumento principale sia nella lotta alla disoccupazione sia nel tentativo di accrescere la flessibilità del lavoro per venire incontro alle esigenze delle imprese; due obiettivi che attualmente nessun paese industrializzato può permettersi di ignorare vista la loro importanza. Da un lato infatti un alto grado di flessibilità del lavoro è diventato un fattore determinante per la competitività delle aziende a livello mondiale, dall’altro è un dato di fatto che in alcuni paesi (Olanda, Germania, Francia gli esempi più vicini a noi) l’aumento del lavoro a tempo parziale è riuscito in parte a bilanciare la diminuzione dell’occupazione a tempo pieno. In Italia, come peraltro in quasi tutti i paesi dell’area mediterranea, lo sviluppo di tale tipologia di lavoro è risultato molto limitato (basta confrontare la percentuale di lavoratori part-time sul totale dei lavoratori che in Olanda è vicina al 40% mentre in Italia non giunge nemmeno all’8%, a fronte di una media dei paesi dell’Unione Europea che si aggira attorno al 17%). Il motivo principale di questa situazione è da ricercarsi in una normativa che ha sempre tardato ad adeguarsi, non riuscendo a dotare il lavoro a tempo parziale delle caratteristiche necessarie affinché esso potesse così consentire alle imprese di disporre della flessibilità necessaria per adeguarsi di volta in volta alle variazioni inaspettate della domanda e alle esigenze di competitività rispetto alla concorrenza, ed ai lavoratori di accedere più facilmente agli impieghi, favorendo così l’occupazione. La situazione è cambiata radicalmente proprio di recente con l’emanazione di un decreto legge (il decreto Salvi, ministro del lavoro, del

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Artico Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2206 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.