Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I giochi del familiare dipendente - Dinamiche di dipendenza patologica tra analisi sistemica e analisi transazionale

In questo elaborato ci si propone di esplorare le dinamiche della dipendenza patologica in relazione al sistema famiglia; verrà adottata una prospettiva di base che permetta la descrizione del fenomeno all’interno della cornice sistemico-relazionale. Verranno inoltre considerati in tale prospettiva i concetti chiave di paziente designato e di dipendenza patologica, passando successivamente all’analisi della tossicodipendenza nella famiglia, essendo questo fenomeno largamente studiato e sovrapponibile ad altri comportamenti dipendenti.
Lontani dalla pretesa di essere esaustivi, si vuole costruire una ricerca sulle origini della disfunzionalità che, a prima vista appare interessare un singolo individuo, ma ad una analisi più accurata, si scopre implicare relazioni particolari e, in ogni caso, si rivela condizionante l’intera famiglia.
Nel percorso che ci guida alla riflessione, affianco all’approccio sistemico, sarà considerata anche la prospettiva analitico-transazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le osservazioni che ispirano questo lavoro nascono dalla personale esperienza all’interno di un comunità multifamiliare (gruppo di auto-aiuto) organizzata secondo il metodo ecologico-sociale di Wladimir Hudolin nel trattamento di problematiche “alcol- correlate”: i Club di Alcolisti in Trattamento. L'alcolismo è considerato uno stile di vita e il trattamento di questa dipendenza non viene identificata con la cura in senso tradizionale, sia perché la persona che presenta tali problemi non è un malato, sia perché, coerentemente con una visione circolare e sistemica, qualsiasi cambiamento che si verifichi ad un livello avrà ripercussioni anche sugli altri. Una delle peculiarità più interessanti di questi gruppi, centrale anche nel trattamento di altre dipendenze (ad es. come dimostra l’esperienza di Campoformio per quanto riguarda il gioco d’azzardo), sta proprio nella particolare attenzione rivolta alla famiglia del “bevitore”. Riunite insieme, le famiglie hanno la possibilità di comunicare, lavorano per raggiungere l'astinenza dall'alcol e dalle altre droghe e per migliorare il proprio stile di vita, si impegnano a mantenere il Club sempre aperto verso l'esterno per garantire la comunicazione, lo scambio e la crescita (Guidoni, Tilli, 2004). L’impatto emozionale decisamente coinvolgente delle riunioni settimanali e i dati statistici sulla “efficacia” nella prevenzione delle “ricadute” nella spirale della dipendenza portano la riflessione sul coinvolgimento della famiglia in questo tipo di dinamiche sia in termini eziologici che prognostici. Questo elaborato si propone di esplorare le dinamiche della dipendenza patologica in relazione al sistema famiglia; verrà quindi adottata una prospettiva di base che permetta la descrizione del fenomeno all’interno della cornice sistemico-relazionale. Verranno considerati in tale prospettiva i concetti chiave di paziente designato e di dipendenza patologica, per passare poi all’analisi della tossicodipendenza nella famiglia, essendo questo fenomeno largamente studiato e comunque sovrapponibile ad altri comportamenti dipendenti (Caretti, 2005). Lontani dalla pretesa di essere esaustivi, si vuole costruire una ricerca sulle origini della disfunzionalità che, ad una descrizione superficiale, appare interessare un singolo

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Giovanni Bertoni Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4440 click dal 09/02/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.