Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore del caffè: strategie di distribuzione e penetrazione nei mercati esteri

Con questo elaborato mi sono proposto di esaminare il mercato del caffè analizzando la produzione mondiale dal 1970 sino ai giorni nostri, con particolari dettagliati sui principali produttori e sulla loro importanza a livello mondiale.
Successivamente ho riportato i dati relativi a tutte le esportazioni dai paesi d’origine, comparati con alcuni riferimenti storici.
Il passo seguente è stato quello di elaborare i dati circa i paesi importatori, focalizzandomi poi sull’Italia, sul suo mercato interno ma anche su quello estero, e sulla sua espansione.
Tra i principali metodi per esportare il caffè italiano ho descritto con particolare attenzione il sistema del franchising, dapprima in maniera teorica, e poi confrontando le tre principali aziende italiane, ovvero Lavazza, Segafredo e Illy, tra di loro e con Starbucks, leader mondiale nelle caffetterie in franchising.
Da queste analisi ho prodotto le conclusioni finali per cui, secondo il mio parere, il sistema del franchising è un ottimo metodo per espandere il mercato estero del caffè.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1.1 Introduzione Con questo elaborato mi sono proposto di esaminare il mercato del caffè verde analizzando la produzione mondiale dal 1970 sino ai giorni nostri, con particolari dettagliati sui principali produttori e sulla loro importanza a livello mondiale. Successivamente ho riportato i dati relativi a tutte le esportazioni dai paesi d’origine, comparati con alcuni riferimenti storici. Il passo seguente è stato quello di elaborare i dati circa i paesi importatori, focalizzandomi poi sull’Italia, sul suo mercato interno ma anche su quello estero, e sulla sua espansione. Tra i principali metodi per esportare il caffè italiano ho descritto con particolare attenzione il sistema del franchising, dapprima in maniera teorica, e poi confrontando le tre principali aziende italiane, ovvero Lavazza, Segafredo e Illy, tra di loro e con Starbucks, leader mondiale nelle caffetterie in franchising. Da queste analisi ho prodotto le conclusioni finali per cui, secondo il mio parere, il sistema del franchising è un ottimo metodo per espandere il mercato estero del caffè. 1.2 Il Caffè Il caffè viene oggi prodotto in oltre 50 Paesi, appartenenti principalmente a 3 continenti quali America del Sud, Africa e Asia. Attualmente la produzione mondiale totale supera le 7,5 milioni di tonnellate. L’offerta è molto frammentata, infatti la gran parte dei coltivatori opera su piccoli o piccolissimi appezzamenti e vende il raccolto agli esportatori locali, spesso con l’intermediazione di cooperative. In questa catena, la ridotta dimensione della produzione, non avvantaggia i piccoli produttori che hanno uno scarsissimo potere contrattuale nei confronti degli esportatori e che non sono in grado di assicurarsi di fronte alla notevole volatilità del prezzo. Relativamente alla distribuzione della tipologia di caffè prodotta, la tabella sottostante misura una netta prevalenza dei paesi produttori della qualità Arabica (più pregiata) rispetto alla qualità Robusta1. 1 “ La filiera del caffè Espresso”, Bazzara

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Andrea Castellari Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10352 click dal 04/02/2010.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.