Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impatto della normativa commerciale sulla rete distributiva comunale: il caso di Lonigo

L’obiettivo di questa tesi è quello di esplorare quanto può aver influito l’applicazione delle norme sul regime autorizzativo sullo sviluppo della rete commerciale di un comune di medie dimensioni.
In tutte le aree del paese, più o meno velocemente, si sta compiendo una trasformazione radicale dell’apparato distributivo che incide sulla vita di tutti. E’ un processo inevitabile, legato al cambiamento degli stili di vita e all’evoluzione dei comportamenti di acquisto e quindi è necessario che anche la normativa nazionale e locale si adegui con velocità a tali cambiamenti. Per anni il legislatore ha cercato di programmare la rete distributiva ed in generale, ha tentato di pianificare lo sviluppo economico. Ma questo tentativo ha prodotto solo un complesso e macchinoso regime autorizzativo delle attività commerciali. Infatti, esso è stato solamente di tipo restrittivo e, sotto alcuni punti di vista, conservativo fino al punto di fare arretrare un paese avanzato come l’Italia nei confronti del resto d’Europa.
Ho scelto questa tesi dopo aver studiato che i limiti del commercio italiano sono dovuti sopratutto ad una ancora forte presenza nel territorio di un tipo di commercio tradizionale, basato su numerose e piccole imprese di tipo familiare. Il lavoro si sviluppa con lo scopo di capire come sia intervenuto“il legislatore comunale” dal 1971 ad oggi, nel compito, finora rimasto incompiuto, di ammodernare la rete distributiva.
La tesi “Impatto della normativa commerciale sulla rete distributiva del Comune di Lonigo” si sviluppa in quattro capitoli che riassumono quale è stato l’intervento regolamentatore del Comune di Lonigo e mirano a verificare quali siano stati i mutamenti della consistenza distributiva negli anni della pianificazione commerciale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE: ORIGINE DELL’IDEA E CONTENUTO Le imprese del commercio al dettaglio sono quelle che tutti, qualunque sia la nostra professione e i nostri ambiti di interesse, conosciamo meglio. Ci rivolgiamo ad esse ogni giorno per i nostri bisogni quotidiani ed è per il loro tramite che veniamo a contatto con l’offerta di beni. Le nuove formule distributive vengono subito esplorate e valutate e così anche le nuove insegne che si presentano sul mercato vengono messe alla prova. Questa frequentazione ci consente di seguirne in tempo reale l’evoluzione. Ma tale familiarità si riferisce in realtà solo alla parte visibile di un settore che nel tempo ha assunto una crescente complessità e che ha profondamente modificato il suo ruolo nell’economie avanzate. Spesso anche all’occhio del più attento consumatore sfuggono le cause della costituzione, della durata e della localizzazione di certi negozi. In generale il cittadino non percepisce quanto certe scelte legislative di un settore specifico come il commercio possano modificare i livelli di benessere e di sviluppo economico. L’obiettivo di questa tesi è quello di esplorare quanto può aver influito l’applicazione delle norme sul regime autorizzativo sullo sviluppo della rete commerciale di un comune di medie dimensioni. In tutte le aree del paese, più o meno velocemente, si sta compiendo una trasformazione radicale dell’apparato distributivo che incide sulla vita di tutti. E’ un processo inevitabile, legato al cambiamento degli stili di vita e all’evoluzione dei comportamenti di acquisto e quindi è necessario che anche la normativa nazionale e locale si adegui con velocità a tali cambiamenti. Per anni il legislatore ha cercato di programmare la rete distributiva ed in generale, ha tentato di pianificare lo sviluppo economico. Ma questo tentativo ha prodotto solo un complesso e macchinoso regime autorizzativo delle attività commerciali. Infatti, esso è stato solamente di tipo restrittivo e, sotto alcuni punti di

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Furfari Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 352 click dal 19/02/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.