Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra sogno e realtà: il percorso umano e poetico di M.I. Cvetaeva e R.M. Rilke

Tra sogno e realtà: il percorso umano e poetico di M.I. Cvetaeva e R.M. Rilke.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Lettere da sogno Marina Ivanovna Cvetaeva, un poeta, come preferiva farsi definire, nato a Mosca sul finire dell’Ottocento. Primogenita di seconde nozze del docente di Teoria e Storia dell’arte Ivan Vladimirovič Cvetaev, “fondatore, ispiratore e raccoglitore a titolo personale del primo Museo di Belle Arti, oggi Puškin, di Mosca,” 1 e di Marija Aleksandrovna Mejn, “di sangue principesco polacco, allieva di Rubenstein, dotata di raro talento musicale” 2 , figlia dello storico Aleksandr Mejn, la talentuosa Cvetaeva crebbe in un raffinato ambiente culturale dominato dalla passione materna per: “ La Musica, il Romanticismo e la Germania” 3 e dall’amore paterno per il patrimonio culturale greco e romano: Influsso dominante - quello materno ( la musica, la natura, la poesia, la Germania. Passione per l’ebraismo. Solo contro tutti. Heröique.). L’influsso paterno piú nascosto ma non meno forte (passione per il lavoro, assenza di carrierismo, semplicità, isolamento). Fusione degli influssi paterno e materno: spartanesimo. Due Leitmotiv nella stessa casa: Musica e Museo. Aria di casa né borghese né intellettuale: principesca. Vita ad altissimo livello. 4 Bambina e adolescente, è un’avida lettrice di prosa e di versi, appassionata di arti figurative, di musica. Nel suo Olimpo gli autori dell’ottocento tedesco e russo, accanto a Lermontov, Puškin, Goethe, Novalis, Hölderlin ed Heine. Alla letteratura tedesca - padroneggia la lingua dalla prima infanzia- venne introdotta dalla madre, prima guida e giudice sommo nel percorso delle arti. Una passione per il patrimonio culturale germanico che sembra nascere nella giovane Marina Ivanovna, dall’inconscio, dallo 1 M Cvetaeva, lettera del 20 aprile 1926, Cvetaeva a B. Pasternak, in Rainer Marija Ril’ke, Marina Cvetaeva Boris Pasternak. Pis’ma 1926 goda , a cura di K. Azadovskij, E. e E. Pasternak, Mosca, VAAP 1980 ( Ed. it Il settimo sogno. Lettere 1926, a cura di S. Vitale, Roma, Editori Riuniti 1980, p. 28). 2 Ibidem 3 M. Cvetaeva, O Germanii[Sulla Germania], in Nesobrannye proizvedenija, München, W. Fink Verlag 1971, p. 472. 4 Lettera del 20 aprile 1926, Cvetaeva a B. Pasternak, in Il settimo sogno, cit., p. 28.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Vincenza Molinari Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8342 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.