Skip to content

Eco-design - Materiali bio e risorse rinnovabili: il caso Mater Bi

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Bova
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione d'Impresa
  Relatore: Ivetta Ivaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

L’ergonomia è un corpus di conoscenze interdisciplinari in grado di analizzare, progettare e valutare sistemi semplici o complessi, nei quali l’uomo figura come operatore o come utente. Gli obiettivi dell’ergonomia sono dunque, l’usabilità e la sicurezza dei sistemi.
Il dibattito culturale sul disegno industriale e sull’ergonomia ha evidenziato la tendenza a dare una crescente importanza all’integrazione dell’ergonomia con il design e l’innovazione. L’ergonomia non va considerata quindi come un apporto collaterale al design nel campo dell’antropometria e nemmeno come elemento genericamente qualificante l’oggetto. Il design ergonomico deve essere invece considerato come un metodo per affrontare i temi progettuali ponendo al centro l’uomo.
Viviamo oggi in una società del desiderio. La nostra società aspira alla gratificazione dei desideri più di qualsiasi altro tipo di società del passato, ma tale gratificazione deve rimanere una promessa. Il desiderio deve rimanere inappagato perché finché il cliente non è soddisfatto, sentirà la necessità di acquistare qualcosa di nuovo e diverso. L’aumento della propensione al consumo aumenta da un lato, l’ingiustizia generale nella distribuzione dei redditi e delle opportunità fra le diverse regioni del mondo, dall’altro comporta in maniera quasi automatica un peggioramento della situazione ecologica del pianeta, per il duplice influsso inquinante dei consumi crescenti e dell’aumento della produzione. L’imperativo dello sviluppo è fuori discussione, ma bisogna trovare nuove strade che lo rendano ambientalmente sostenibile. La sempre maggiore presa di coscienza da parte dell’umanità dell’importanza della questione ambientale è andata di pari passo ad un’estensione dell’interesse del design per l’innovazione di prodotto e servizio (non più solo di processo) in un’ottica eco-compatibile. Ne è testimonianza l’aumento della produzione di prodotti e dell’uso di nuovi materiali ecologicamente corretti. Uno di questi, caso studio di questa tesi di laurea, è il Mater Bi di Novamont S.p.A. Il Mater Bi è una bioplastica derivante da materie prime rinnovabili di origine agricola, prevalentemente amido di mais, che ha le stesse proprietà chimico-fisiche e gli stessi comportamenti di una plastica tradizionale, ma è completamente biodegradabile, e se necessario anche idrosolubile, nelle fasi di trattamento post-consumo. Nella tesi sono descritte le caratteristiche e le linee di prodotti in Mater Bi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione L’incontro tra progettazione e ambiente è stato spesso definito con il termine eco design, ma cosa si intende con questo termine? L’eco design è una progettazione (design) orientata da criteri ecologici. Essa si presenta dunque come l’espressione sintetica di un vasto complesso di attività progettuali tendenti ad affrontare i temi posti dalla questione ambientale a partire dal punto iniziale, cioè dal ridisegno dei prodotti stessi. Allo stesso tempo, però eco design, è uno di quei termini che, se pur suggeriscono delle idee, son ben lontani dal presentare una precisa definizione del loro significato. La sua indeterminatezza nasce proprio dal suo portare in sé, amplificandoli, i campi semantici vasti, articolati dei due termini che lo compongono (ecologia e design). Se con eco design intendiamo genericamente un’attitudine progettuale che concepisce gli aspetti considerando anche il loro impatto ambientale, possiamo facilmente rilevare che esso rappresenta un concetto e un’indicazione operativa molto estesi. Nella sua accezione più vasta (corrispondente al suo significato nel vocabolario inglese), il termine design concerne il complesso delle attività progettuali, spaziando dalla progettazione territoriale alla progettazione grafica e passando per la progettazione dell’architettura e per quella dei beni di consumo1. D’altro lato, l’estensione della problematica ambientale e la trasversalità dei temi che solleva è tale che esiste la concreta possibilità di mettere in relazione il termine ecologia con quello di design in tutte queste sue diverse articolazioni. In altre parole, è possibile declinare il concetto di eco design in ogni diverso campo dell’attività progettuale in quanto, ad un’attenta analisi della prassi che lo contraddistingue, è possibile individuare un insieme di questioni collegate o collegabili al tema dell’ambiente. 1 Carlo Vezzoli Ezio Manzini Lo sviluppo di prodotti sostenibili I requisiti ambientali dei prodotti industriali Con il patrocinio dell’ANPA; Maggioli Editore, Dogana 1998, p.12.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi