Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto Al Jazeera: dall' ''isola'' all'arcipelago delle all news in Medio Oriente

L’ingesso di Al Jazeera ha prodotto una nuova considerazione delle potenzialità comunicative e mediatiche arabe nel sistema globale dell’informazione a marchio occidentale. L’ascesa di Al Jazeera ai massimi livelli del mercato delle notizie e il prestigio, non privo di diffidenza, di cui l’emittente ora gode sono il prodotto di una parziale rinuncia che l’emittente ha fatto delle regole protocollari dell’informazione arabo-saudita. Sottratta al controllo delle autorità religiose, priva di schieramenti politici espliciti e coerenti nel tempo, sostenuta da importanti firme britanniche, l’emittente si è conquistata un posto di tutto rispetto nel mercato globale dell’informazione. Sono questi alcuni elementi di riflessione sul più ampio dibattito sia interno all’islam, che tra islam e mondo occidentale. La tensione tra modernizzazione dell’islam e islamizzazione della modernità sembra segnare, ancora una volta, il confine tra l’accettazione e il rifiuto della cultura islamica da parte dell’occidente; così come, a livello interno, tale tensione culturale costituisce il nerbo delle contrapposizioni ideologiche sul ruolo della fede nelle società arabo musulmane.
Al Aqsa e Al Manar sono emittenti televisive arabe che, sulla scia del successo di al Jazeera, concretizzano lo scopo di fornire il loro “punto di vista arabo” e perseguono quello di immetterlo del più vasto circuito mediatico. Punto di vista che, a differenza di Al Jazeera, è esplicitamente inseparabile dal progetto politico e confessionale delle organizzazioni che promuovono i due canali; dal loro messaggio islamista derivano rappresentazioni mediatiche che, dal passato, riprendono concetti e simboli tradizionali e, dal presente un’informazione funzionale alla propaganda politica.
Il panorama visuale offerto dalle tre emittenti appare allora contenere le traduzioni visivo-linguistiche dei concetti ideologici che dilaniano le società arabo musulmane: apertura o intransigenza, dibattito o indottrinamento, resistenza o negoziazione, terrorismo o martirio.
Questo studio ha lo scopo di dar conto dei linguaggi adottati dalle tre emittenti, considerate diverse architetture delle vocazioni musulmane. Verranno analizzati gli sviluppi, le similitudini, le interazioni ideologiche ed economiche, le reciproche influenze e divergenze di tre media che offrono diverse rappresentazioni dell’identità musulmana nel ventunesimo secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro ha come ambito d’analisi la portata innovativa di Al Jazeera, primo canale televisivo arabo all news. Il successo di questo canale tematico risiede nella sua capacità di essersi affermato, nel circuito mondiale dell’informazione, come nuova fonte di una voce tradizionalmente interpretata da soggetti occidentali. A questo fenomeno mediatico e culturale ha fatto seguito un articolato sviluppo di tematiche di natura politica e strategica; l’intreccio di tali evoluzioni costituisce la trama di questa ricerca. Poiché le dinamiche evolutive dei media sono notoriamente legate a doppio filo alle funzioni politiche dell’informazione, alle esigenze di credibilità e di accesso al dibattito globale del soggetto statuale, la metodologia adottata in questa ricerca include una trattazione tanto della tradizionale funzione dei media arabi, quanto degli scenari geopolitici che oggigiorno i rinnovati media arabi affrontano nelle loro narrazioni. Nella prima parte viene affrontato il canale televisivo Al Jazeera, contestualizzandolo nell’evoluzione storica dei media arabi ed affrontandone gli sviluppi del suo nel più vasto sistema informativo mondiale. Il primo capitolo di questa parte ripercorre la successione delle funzioni politiche e sociali che i media arabi hanno svolto. La ricostruzione storica comincia con l’originaria presenza di media con scopi propagandistici, concretizzata nelle radio europee operative nei paesi arabi durante il periodo coloniale. Viene in seguito affrontata la diffusione del nazionalismo nei paesi arabi, avviati al processo di formazione dello stato nazionale, e dato conto dei riflessi di 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Interfacoltà

Autore: Cecilia De Luca Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 795 click dal 20/05/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.