Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto psicologico come risorsa per l’intervento nel processo penale minorile: un’analisi della letteratura italiana ed internazionale

Ogni relazione mediata da un contratto implica precisi obblighi e doveri, di tipo economico, fisico, mentale ed emotivo. Al contratto tradizionale si è affiancato un altro tipo di contratto, rivolto agli aspetti psicologici della relazione. Tale tipologia di contratto, il contratto psicologico, consiste in un insieme di credenze rispetto ad obblighi e aspettative reciproche
In questo lavoro ci si occuperà dell’analisi delle relazioni esistenti tra l’apparato giudiziario, l’esperto consulente tecnico e il reo, gli attori del contesto della messa alla prova del suo evolversi secondo i principi del modello di giustizia rieducativo-riparativo.
Verrà introdotto lo strumento di indagine sul contratto psicologico in ambito lavorativo, descritto e utilizzato da Rousseau (2000), denominato “Psychological Contract Inventory”, progettato per indagare la qualità delle relazioni tra le parti, e ipotizzato l'utilizzo di questo strumento di indagine al contesto della messa alla prova.

Mostra/Nascondi contenuto.
_______________________________________________________________ 3 Introduzione In ogni tipo di relazione esistono ruoli ben precisi, che le varie parti di volta in volta assumono. Per far sì che tali ruoli e le conseguenti aspettative che vengono a crearsi siano rispettate, è necessaria la presenza di regole, il cui ri- conoscimento e rispetto aiuta l’evoluzione positiva della relazione. In particolare, nei rapporti di tipo professionale si crea la necessità di e- splicitare le regole sulle quali dovrà basarsi la relazione lavorativa. Tale neces- sità porta a creare accordi che trovano forma esplicita in contratti scritti. Ogni relazione mediata da un contratto implica precisi obblighi e doveri, di tipo eco- nomico, fisico, mentale ed emotivo. Per questo motivo al contratto tradizionale si è affiancato un altro tipo di contratto, che si rivolgesse agli aspetti psicologi- ci della relazione. Tale tipologia di contratto ha ormai assunto importanza cen- trale, analoga a quella del contratto “tradizionale”, all’interno delle relazioni tra membri facenti parte di un comune contesto. Il contratto psicologico non im- pone alle parti una serie di linee guida e di comportamento che dovranno tenere o che ci si aspetta che perseguino, ma consiste in un insieme di credenze rispet- to ad obblighi e aspettative reciproche originatesi nel momento in cui una delle parti inferisce promesse espresse dall’altra (Rousseau, 1989; Toderi e Gugliel- mi, 2003). Esigenza analoga si crea nel contesto giuridico penale. Sia in fase di giu- dizio, sia dopo la sentenza e durante il periodo di detenzione o di un progetto alternativo, sono presenti molteplici figure, portatrici di altrettanti ed eteroge- nei doveri e ruoli, che impongono rispetto di determinati obblighi e creano a- spettative negli attori coinvolti, siano essi parte attiva del iter giudiziario, siano essi i destinatari delle sentenze e di programmi di riabilitazione e rieducazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia 2

Autore: Fabrizio Mecca Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1598 click dal 19/02/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.