Skip to content

EMAS come sistema di gestione del territorio - Il caso del settore estrattivo in Veneto

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Semenzato
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Pianificazione del Territorio
  Corso: Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale
  Relatore: Matelda Reho
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

EMAS, Eco-Management and Audit Scheme, è il mezzo idoneo per una corretta gestione ambientale, perché consiste in un sistema che indica azioni e strumenti, pianifica obiettivi e mezzi, attraverso i quali migliorare le prestazioni di un’organizzazione per la salvaguardia e la protezione dell’ambiente. Tale operazione consiste anche nel migliorare la qualità complessiva del mercato ed in generale del sistema produttivo.
Accanto ad esempi d’eccellenza di politica ambientale, ci sono alcuni settori dell’economia italiana e comunitaria ancor oggi poco attratti dall’adozione della certificazione di tipo EMAS. Le cause sono differenti da settore a settore, da ricercare nella natura della stessa attività economica e nelle caratteristiche strutturali.
Proprio da considerazioni di questo tipo, è nata l’ipotesi che è alla base di questa tesi: individuare un importante settore di attività che potesse rappresentare, anche in termini economici, una parte sostanziale della redditività del nostro paese e potesse fungere da volano per la diffusione di EMAS in Italia.
Considerato il volume d’affari che ogni anno genera, sia per le numerose attività e aziende legate all’indotto, sia per la tipologia invasiva dei siti produttivi e altamente impattanti per l’ambiente, abbiamo scelto come esempio rappresentativo l’attività d’estrazione dei minerali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
EMAS come Sistema di Gestione del Territorio: il caso del settore estrattivo in Veneto Riccardo Semenzato Matr. N°260812 6 INTRODUZIONE L’interesse nei confronti dei problemi relativi all’ambiente è, oggi, un argomento che desta molta attenzione da parte di politici, del mondo produttivo, degli economisti e soprattutto dei cittadini. Una maggiore consapevolezza delle problematiche ambientali, nonché una migliore diffusione e semplificazione delle informazioni che riguardano la tutela dell’ambiente, sono sempre più spesso strumenti utili per sostenere e orientare le scelte degli amministratori pubblici verso programmi di politica ambientale più coretti e consapevoli. Nel rapporto economia e ambiente si sta imponendo il convincimento che occorra passare dall’antagonismo all’integrazione. Anche il mondo delle imprese, sempre più spesso, considera l’ambiente, l’energia e l’attenzione verso l’uso delle risorse in genere, come elementi che rivestono un ruolo strategico per la crescita competitiva delle aziende. I responsabili pubblici sono sempre più consapevoli della necessità di produrre “buona amministrazione”, attraverso il rispetto delle norme ambientali ed il miglioramento progressivo delle prestazioni. In quest’ottica, anche la certificazione ambientale europea EMAS si sta sempre più imponendo, tra gli strumenti volontari, come fattore di eccellenza per la soddisfazione di questi obiettivi. E’ quindi evidente che si sta assistendo progressivamente ad un cambiamento di mentalità radicale in tutta la società, dovuto al fatto che le problematiche legate alle alterazioni all’ecosistema entrano sempre più frequentemente nel quotidiano, mettendo in evidenza la rete articolata e fragile di interazioni tra elemento umano, attività produttive ed effetti di questi fattori sull’ambiente. Al giorno d’oggi le responsabilità di una impresa o di una amministrazione vanno oltre le semplici considerazioni finanziarie. Bisogna, infatti, tenere conto anche dell’impatto ambientale e sociale delle attività svolte. Prestazioni ambientali eccellenti, che una volta venivano ritenute un costo esterno, stanno diventando parte integrante delle valutazioni economiche di una impresa. I mutamenti culturali in atto, nel passaggio dalle vecchie logiche coercitive a rapporti fiduciari tra i diversi protagonisti della scena economica e i responsabili politico istituzionali centrali e periferici, rispondono a queste richieste e sono coerenti con l’evoluzione della “governance”, che mira ad una gestione integrata per lo sviluppo sostenibile, incentrata non più solo sulla componente economico- finanziaria ma anche su quella sociale ed ambientale. È questa, chiaramente, una nuova chiave di lettura dello sviluppo sostenibile, da raggiungere tramite la definizione di un modello organizzativo che non deluda le legittime aspettative di tutti gli stakeholders. Percorrere la strada dello sviluppo sostenibile significa, per l’impresa, gestire il proprio business in modo da migliorare le proprie performance economiche, ma contemporaneamente anche tutelare l’ambiente naturale, mentre per la pubblica amministrazione significa rendere conto continuamente delle proprie azioni, esplicitando pertanto non solo gli obiettivi raggiunti, ma anche le intenzioni che ne sono state all’origine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi