Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi e studio EPR di analoghi MTS-marcati del peptide Ab(25-35)

Studio nella sindrome dell' Alzheimer dell'interazione tra il peptide e la membrana cellulare e il meccanismo di rilascio del peptide stesso per il suo successivo processo di autoaggregazione.
Il ruolo del colesterolo come componenete essenziale della membrana.
Sintesi peptidica e formazione spin label.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione 1.1 La malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer (AD, Alzheimer’s Desease) prende il nome da Alois Alzheimer che nel 1906 ne descrisse per primo i sintomi e gli aspetti neuropatologici. Essa è la più comune forma di demenza negli adulti (Soto et al., 1996), e si configura come una patologia molto invalidante poiche’ influisce sulle capacità del paziente di portare a termine anche le più semplici attività quotidiane, andando a colpire le parti del cervello che controllano la parola, la memoria ed il pensiero. Un malato di Alzheimer subisce un declino progressivo e globale delle funzioni intellettive, che è inevitabilmente associato ad un deterioramento della vita di relazione dovuto all’incapacità di controllare le proprie reazioni emotive e comportamentali. Progressivamente, il paziente perde l’autonomia nell’esecuzione degli atti quotidiani della vita e diventa completamente dipendente dagli altri durante il decorso della malattia che, a sua volta, può durare tra gli 8 e i 15 anni. La malattia di Alzheimer è una patologia neurodegenerativa progressiva caratterizzata a livello dei tessuti cerebrali dalle placche amiloidi e dagli ammassi neurofibrillari che sono per lo più concentrate in regioni del cervello importanti per la memoria. Sebbene tali strutture siano riscontrabili in molte persone in età avanzata, si osserva che nei soggetti affetti da Alzheimer sono presenti in quantità maggiore. La malattia di Alzheimer inizia nella corteccia entorinale, un’area del cervello vicina all’ippocampo e strettamente collegata ad esso. Proprio l’ippocampo (una struttura del cervello collegata alla memoria a lungo e a breve termine) è il bersaglio

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Francesca Santoro Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 524 click dal 19/02/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.