Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fattori di rischio nell'insorgenza di lesioni da pressione: studio caso-controllo

Con il termine ulcera da pressione (o lesione da pressione, o piaga da decubito o lesione da decubito o ulcera da decubito) si indica un’area localizzata di danno della cute e dei tessuti sottocutanei, causata da forze di pressione, trazione, frizione, o da una combinazione di questi fattori, che si forma normalmente in corrispondenza di prominenze ossee e la cui gravità è classificata in stadi.
Nonostante i costanti e notevoli progressi della scienza, le ulcere da pressione continuano a prodursi in maniera rilevante, rappresentando una questione annosa in medicina.
(...)
Attraverso questo studio si vuole perciò aiutare l'infermiere nell'individuazione dei soggetti a rischio cercando di far emergere, attraverso un'analisi sul campo, quei fattori spesso non considerati dalle normali scale ma fondamentali nello sviluppo di un'ulcera e di conseguenza nella sua prevenzione se individuati per tempo.
Per tutte queste ragioni è fondamentale che l'infermiere, in qualità di responsabile dell'assistenza del paziente, sia in grado di accertare il rischio di sviluppare un’ulcera da pressione attraverso l'utilizzo di scale di valutazione e della sua esperienza clinica; in modo da poter attuare, se accertato, gli interventi appropriati in base alle conoscenze acquisite dalle recenti evidenze scientifiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con il termine ulcera da pressione (o lesione da pressione, o piaga da decubito o lesione da decubito o ulcera da decubito) si indica un’area localizzata di danno della cute e dei tessuti sottocutanei, causata da forze di pressione, trazione, frizione, o da una combinazione di questi fattori 1 , che si forma normalmente in corrispondenza di prominenze ossee e la cui gravità è classificata in stadi. Nonostante i costanti e notevoli progressi della scienza, le ulcere da pressione continuano a prodursi in maniera rilevante, rappresentando una questione annosa in medicina. Sono molto frequenti, in particolare, nella popolazione ospite di strutture preposte alle cure sanitarie (ospedali, strutture per lungodegenti e residenze sanitarie assistite), così come tra le persone che ricevono cure a domicilio, e colpiscono individui di tutte le età, ma principalmente i soggetti affetti da patologie che ne compromettono la funzionalità neuromotoria e nei soggetti anziani allettati. E' un problema quindi destinato a crescere in ragione dell'invecchiamento della popolazione e del cambiamento nei modelli di malattia. L’Italia è prima in Europa per numero di malati, stimato intorno a due milioni 2 . Ancora non si è trovata una cura definitiva, né si è raggiunta uniformità nei comportamenti terapeutici ed assistenziali, nonostante i numerosi studi condotti sull’argomento, le varie figure professionali coinvolte, l’infinità di ausili e presidi impiegati, compresi quelli tecnologicamente più avanzati. L’unico dato certo è che un’adeguata prevenzione svolge un ruolo decisivo nel prevenire la comparsa o la progressione delle ulcere. 1 National Pressur Ulcer Advisory Panel - Pressure ulcers prevalence, cost and risk assessment: consensus development conference statement - Decubitus 1989; 2: 24-28 2 A.I.U.C. (Associazione Italiana Ulcere Cutanee) - IV Congresso Nazionale - Torino Settembre 2005 1

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Damiano Furini Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8694 click dal 19/02/2010.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.