Skip to content

La Banca del Tempo nella scuola: l’esperienza dell’imparare scambiando. Vantaggi, limiti e possibili soluzioni.

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Magnolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Massimo Santinello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Questo lavoro nasce da grande interesse e amore verso il mondo dei bambini e degli adolescenti e dalla casuale scoperta del progetto della Banca del Tempo. Un progetto che ha come presupposto la valorizzazione delle capacità di ognuno, lo sviluppo di positive relazioni fra i ragazzi, la costruzione di reti relazionali. Il principio ispiratore, infatti, è che tutti sanno fare qualcosa di utile per gli altri e che tutti hanno bisogno di imparare qualcosa da altri: un’idea che quindi tende a valorizzare le differenze, facendole divenire delle ricchezze e nel contempo dà valore ad ognuno per ciò che sa fare, per ciò che può offrire. E’ un progetto che ci insegna che nessuno può far tutto, ma ognuno può apportare un contributo.
La proposta della Banca del Tempo mi sembra ancora più interessante inserita in un contesto quale la scuola: luogo non solo di apprendimento di nozioni e concetti, ma anche e soprattutto luogo importante per lo stabilirsi di relazioni sociali, per la formazione sociale dei giovani, nel quale si preparano gli adulti del futuro. Come dice Rosa Maria Amorevole (1999), la Banca del Tempo vuole aiutare gli adulti a dire ad ogni bambino “Ti accetto come sei” e non “Ti accetterei se tu fossi”.
Il primo capitolo presenta la realtà della Banca del Tempo, un luogo di solidarietà dove si depositano e si scambiano alla pari unità di tempo, senza intermediazione di denaro; è stato analizzato il funzionamento, gli obiettivi, ma anche i suoi vincoli e le difficoltà.
Vengono presentate, poi, la storia della Banca del Tempo in Italia, come è nata e come si è sviluppata, la prima esperienza italiana, sviluppatasi grazie alle donne della commissione pari opportunità del comune di Santarcangelo di Romagna, ed una breve panoramica sulle esperienze di questo tipo presenti anche al di fuori del territorio italiano.
Il secondo capitolo si focalizza sull’applicazione scolastica della Banca del Tempo, presentando innanzitutto l’esperienza francese delle Reti di Scambio Reciproco di Saperi (RERS), iniziata da Claire Hèber Suffrin in una scuola elementare. Si passa, in seguito, all’analisi della realtà italiana, prendendo in considerazione gli obiettivi che questo progetto si pone, nell’ottica della prevenzione del disagio e della promozione dell’agio, obiettivi che per alcuni versi sono simili a quelli delle Banche del Tempo nella comunità, per altri, invece, se ne discostano, proprio perchè diversa è la fascia di età a cui si rivolgono. Saranno presentate quindi, le differenze esistenti sia tra l’applicazione scolastica e l’applicazione nella comunità, sia le differenze nei piani di lavoro nei diversi ordini di scuola, dalla materna alla superiore. Verrà spiegato brevemente come si attua una valutazione in un progetto di questo tipo ed infine saranno esposti i vincoli che si presentano quando si vuole aprire una Banca del Tempo nella scuola. Il terzo capitolo è stato costruito analizzando con ATLAS.ti le interviste fatte a dodici soggetti, implicati a vario titolo in questo ambito, su vantaggi e utilità del progetto, difficoltà ad avviare e a mantenere una Banca del Tempo in ambiente scolastico e sulle possibili soluzioni a tali problemi. Queste ultime domande sono state poste proprio partendo dalla consapevolezza che, in molti casi, esperienze, anche ben avviate, si sono concluse dopo poco e nella speranza di poter gettare il seme affinché questi problemi vengano presi in considerazione e si tenti di risolverli. Verranno, quindi, esposti i risultati raggiunti da questa breve ricerca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da grande interesse e amore verso il mondo dei bambini e degli adolescenti e dalla casuale scoperta del progetto della Banca del Tempo. Un progetto che ha come presupposto la valorizzazione delle capacità di ognuno, lo sviluppo di positive relazioni fra i ragazzi, la costruzione di reti relazionali. Il principio ispiratore, infatti, è che tutti sanno fare qualcosa di utile per gli altri e che tutti hanno bisogno di imparare qualcosa da altri: un’idea che quindi tende a valorizzare le differenze, facendole divenire delle ricchezze e nel contempo dà valore ad ognuno per ciò che sa fare, per ciò che può offrire. E’ un progetto che ci insegna che nessuno può far tutto, ma ognuno può apportare un contributo. La proposta della Banca del Tempo mi sembra ancora più interessante inserita in un contesto quale la scuola: luogo non solo di apprendimento di nozioni e concetti, ma anche e soprattutto luogo importante per lo stabilirsi di relazioni sociali, per la formazione sociale dei giovani, nel quale si preparano gli adulti del futuro. Come dice Rosa Maria Amorevole (1999), la Banca del Tempo vuole aiutare gli adulti a dire ad ogni bambino “Ti accetto come sei” e non “Ti accetterei se tu fossi”. Il primo capitolo presenta la realtà della Banca del Tempo, un luogo di solidarietà dove si depositano e si scambiano alla pari unità di tempo, senza intermediazione di denaro; è stato analizzato il funzionamento, gli obiettivi, ma anche i suoi vincoli e le difficoltà. Vengono presentate, poi, la storia della Banca del Tempo in Italia, come è nata e come si è sviluppata, la prima esperienza italiana, sviluppatasi grazie alle donne della commissione pari opportunità del comune di Santarcangelo di Romagna, ed una breve panoramica sulle esperienze di questo tipo presenti anche al di fuori del territorio italiano. Il secondo capitolo si focalizza sull’applicazione scolastica della Banca del Tempo, presentando innanzitutto l’esperienza francese delle Reti di Scambio Reciproco di Saperi (RERS), iniziata da Claire Hèber Suffrin in una scuola elementare. Si passa, in seguito, all’analisi della realtà italiana, prendendo in considerazione gli obiettivi che questo progetto si pone, nell’ottica della prevenzione del disagio e della promozione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aiuto reciproco
autoefficacia
banca del tempo
insegnanti
risorse
risorse personali
scambio
scuola
socializzazione
valorizzazione delle capacità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi