Skip to content

La previdenza complementare, la posizione del singolo e la sua libertà

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Bruni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mattia Persiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

L'assenza di un sistema diffuso di previdenza complementare nel nostro ordinamento (o, se si preferisce, la presenza ante D.Lgs. n.124/93 di esperienze riferibili solo a specifici settori produttivi e/o a particolari categorie professionali) è certamente ascrivibile ad una concomitante serie di fattori, individuabili, sia nella scarsa disciplina di riferimento, sia nella vocazione onnicomprensiva della previdenza obbligatoria (con correlata presenza, per un verso, di una forte incisività dell'obbligazione contributiva, per l'altro, di un elevato livello di attese in termini di prestazioni al verificarsi dell'evento protetto).
Del resto, per evidenziare la rilevanza che questa carenza di disciplina ha avuto sulla non emersione del fenomeno, basterà ricordare l'effetto ''blocco'' che ha esercitato sulle nuove esperienze la disciplina tributaria contenuta nello stesso D.Lgs. n.124/93, con la connessa esigenza degli interventi modificativi del D.Lgs. n.585/93 e della Legge n.335/95.
D'altro canto, è proprio la carenza di disciplina legislativa che motiva l'iniziale prudenza della Corte Costituzionale nella decisione del 1990 e la successiva presa d'atto, nella sentenza del '95, della sostanziale riferibilità della previdenza complementare all'art.38, 2° comma, Cost..
Con l'attuale regolamentazione delle ''forme pensionistiche complementari'', si evidenzia come il legislatore abbia immaginato un modello in cui il singolo viene indirizzato per un percorso che dovrebbe portarlo ad acquisire il diritto ad una prestazione complementare di quella previdenziale di base, in grado di garantirgli un'esistenza libera e dignitosa ed un parziale o integrale mantenimento del tenore di vita acquisito; il che contribuisce ad inquadrare il ruolo costituzionale della previdenza complementare stessa.
La ''scommessa'' della previdenza complementare si gioca, quindi, sul versante della sua necessarietà (da non confondere con l'obbligatorietà della stessa, prospettata da alcuni Autori), dovuta all'emergenza finanziaria, e della sua complementarietà, in relazione, per un verso, al dispiegarsi dell'autonomia collettiva (nel ruolo centrale affidatole dal legislatore sia nel momento genetico, che in quello funzionale), per l'altro, all'imporsi di una interpretazione della disciplina che valorizzi, in termini di non dissociabilità, il rispetto dell'autonomia del singolo (cioè il carattere di volontarietà e dunque di facoltatività di adesione ai fondi), nonché una tutela della posizione individuale, per quanto riguarda diritti ed aspettative del lavoratore, funzionale alla sua permanenza nel sistema globale dei fondi, vista come esigenza di stabilità connaturata alla natura ed allo scopo della previdenza complementare stessa.
In conseguenza di ciò, si evidenzia l'importanza di una tutela adeguata della libera circolazione della posizione individuale degli iscritti all'interno del sistema, non più soltanto occasionata dalla ''perdita dei requisiti di partecipazione al fondo'', ma dovuta ad una scelta discrezionale del lavoratore stesso tra le differenti offerte, così come disciplinata dall'art. 10 c.3-bis, modificato dalla L.335/95; senza, quindi, che venga penalizzata la libera uscita dal fondo, e consentendo il trasferimento dell'intera posizione individuale.
Libera circolazione che, alla luce del Mercato Unico Europeo e dell'indiscutibile ruolo finanziario che i fondi pensione rivestono, non può che essere promossa come obiettivo fondamentale della Comunità Europea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA. L'assenza di un sistema diffuso di previdenza complementare nel nostro ordinamento (o, se si preferisce, la presenza ante D.Lgs. n.124/93 di esperienze riferibili solo a specifici settori produttivi e/o a particolari categorie professionali) è certamente ascrivibile ad una concomitante serie di fattori, individuabili, sia nella scarsa disciplina di riferimento, sia nella vocazione onnicomprensiva della previdenza obbligatoria (con correlata presenza, per un verso, di una forte incisività dell'obbligazione contributiva, per l'altro, di un elevato livello di attese in termini di prestazioni al verificarsi dell'evento protetto). Del resto, per evidenziare la rilevanza che questa carenza di disciplina ha avuto sulla non emersione del fenomeno, basterà ricordare l'effetto "blocco" che ha esercitato sulle nuove

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto del lavoro
fondi pensione
pensioni
previdenza complementare
previdenza sociale
fondi chiusi
diritto della previdenza sociale
i tre pilastri della previdenza
fondi aperti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi