Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rappresentazione e cerimonia: il primo teatro di Fernando Arrabal (1952-1957)

I miei sforzi si sono concentrati sull’individuazione di quegli elementi che sono stati disseminati negli intrecci delle opere di Fernando Arrabal e che sono necessari per la decodificazione e la comprensione della non facile drammaturgia di questo autore. Ho scelto due date significative, il 1952 e il 1957, che delimitano la prima fase della produzione arrabaliana. Il 1952 viene indicato dall’autore stesso come spartiacque poiché proprio in questa data vede la luce Pic – Nic, la prima opera che viene considerata tale; il 1957 segna il passaggio da un teatro fortemente legato all’esperienza personale dell’autore ad un teatro sperimentale, più vicino alle avanguardie francesi che alla tradizione spagnola.

Mostra/Nascondi contenuto.
5PREMESSA Ogni giorno tutti noi agiamo come attori inconsapevoli. La nostra vita quotidiana è fatta di tante piccole cerimonie sociali, che codificano i nostri comportamenti e il nostro modo di entrare in relazione con gli altri. Senza rendercene conto riproduciamo dei modelli che ci sono stati trasmessi dai sistemi in cui siamo cresciuti (la famiglia e le istituzioni, per fare due esempi). Sono dei piccoli gesti che mettono in comunicazione due o più individui attraverso un codice comune: una stretta di mano, un saluto, un segno di deferenza, ecc.. Quando una regola del gioco non viene rispettata o non viene riconosciuta da uno dei due partecipanti, l’informazione che si vuole dare non arriva in maniera corretta o non giunge affatto. Si presuppone comunque che il difetto sia casuale. La cattiva interpretazione del messaggio sviluppa una situazione di disagio tra il mittente ed il destinatario. Se le due parti non riescono a recuperare l’equilibrio, la comunicazione viene definitivamente interrotta. Nel caso contrario invece le regole vengono ristabilite e si torna ad una situazione normale. Il teatro di Fernando Arrabal (Melilla, 1932) ci parla proprio di questo, delle difficoltà che ha un messaggio ad arrivare da un mittente ad un destinatario nella maniera corretta quando il canale di comunicazione è disturbato o interrotto. Le sue opere cercano di mettere in relazione il pubblico con il tema

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Paola Bellomi Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 811 click dal 02/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.