Skip to content

L'informazione sulle aree protette: analisi di alcuni media in merito ai parchi e alla tutela della natura

Informazioni tesi

  Autore: Luca Musumeci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Forestali ed Ambientali
  Relatore: Franco Viola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Le cronache della carta stampata, della radio o della TV sembrano rispolverare ad ogni alluvione (annunciata o no che sia) argomenti di facile presa sul lettore come quelli dei disastri ecologici e delle catastrofi naturali, dell’inquinamento e di tutto ciò che nel breve periodo può minare la sicurezza della vita e colpire la salute dell’uomo. Sono argomenti che fanno salire lo share o la tiratura, specie se trattati a fosche tinte e con toni apocalittici.
Non è riservata invece uguale attenzione o spazio dai grandi media ad altri argomenti che forse meno colpiscono la fantasia del lettore. Parliamo della protezione della natura, della biodiversità e della complessità ecologica: certamente temi poco ricorrenti nelle discussioni quotidiane dell’uomo comune, ma che rivestono egualmente un alto significato relativamente alla qualità complessiva della vita.
L’obbiettivo di questo studio è quello di analizzare come e quanto le aree protette e i parchi in particolare siano presenti nel panorama dell’informazione scritta, sia quella autogestita e prevalentemente diffusa all’interno della stessa area che quella generalista, a grande diffusione; uno sguardo finale è dedicato al mondo dell’informazione elettronica che tanto velocemente si sta affermando.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Qualche anno fa, nel 1991, l’Università di Padova organizzò a San Vito di Cadore il primo corso di “Educazione e formazione ambientale per giornalisti professionisti”. L’iniziativa ebbe molto successo, sia per il numero degli allievi, una trentina, sia per la qualità dei relatori, per la metà universitari dediti alla ricerca naturalistica, per la restante parte giornalisti di fama e tecnici di elevatissimo livello attivi nei ministeri che si occupano d’ambiente e di natura. L’idea crebbe, e negli anni successivi il corso venne più volte ripetuto con eguale, ampio, successo. Ne è buona testimonianza l’AIGA, Associazione Italiana Giornalisti Ambientalisti, che venne fondata presso il laboratorio di ecologia di San Vito alla chiusura del primo di quei corsi e da esso stimolata. Gli argomenti trattati a San Vito spaziarono, fino ad oggi, da quelli più propriamente naturalistici, quali la biodiversità e la complessità ecologica, la conservazione della natura e la pianificazione ecologica, a quelli più connessi alla qualità ambientale, ad esempio in riferimento agli inquinamenti e alle catastrofi derivanti dall’incuria o dalla sufficienza dell’uomo verso le forze della natura. Singolarmente, ma forse era da prevedere, questa seconda categoria d’argomenti trattati ai corsi colse il maggior successo e suscitò la più viva attenzione. In effetti il giornalista, sia della carta stampata sia del video o della radio, è vincolato al giudizio che gli viene in base ad indicatori numerici di gradimento, lo share, la tiratura, che ne decretano il successo o il fallimento. Egli, di conseguenza, è tentato dalle notizie che più colpiscono la fantasia del destinatario, nel bene o nel male, e sarà egualmente tentato d’evitare argomenti fiacchi o che possano generare scontento. La protezione della natura, e i parchi in genere, rientrano tra gli argomenti che abbiamo definito fiacchi; i disastri ecologici, le catastrofi naturali, i veleni sparsi sul territorio e tutto quanto nel breve periodo può minare la sicurezza della vita e colpire la salute dell’uomo è invece oggetto di attenzione, ovvero è argomento di facile presa sul lettore o sull’ascoltatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi