Skip to content

Scavo meccanizzato di gallerie: previsione della qualità del marino nell’ottica del suo riutilizzo

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Pepino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Pierpaolo Oreste
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

I grandi progetti di opere pubbliche attualmente in fase di progettazione o realizzazione destinati alla movimentazione di merci o persone, sono sempre più spesso realizzati in galleria per diminuire gli impatti sul territorio.
Vi sarà dunque nei prossimi anni una grande quantità di aggregati da valorizzare come risorsa e non come rifiuto, grazie anche alla nuova legislazione italiana riguardante il materiale proveniente dallo scavo di gallerie riutilizzabile come sottoprodotto per reinterri, rilevati, rimodellazioni , riempimenti o nei processi industriali in sostituzione dei materiali di cava.
Una grande quantità di questo materiale sarà ottenuto da scavi meccanizzati ed in particolare mediante l’uso di TBM, vista la loro velocità di avanzamento; per questo motivo negli ultimi anni si stanno effettuando studi riguardo sia le caratteristiche del marino ottenibile con queste macchine sia la possibilità di un suo riutilizzo.
In questa tesi si è effettuato uno studio sulla possibilità di correlare la penetrazione dei dischi nella roccia prevista dai più utilizzati modelli previsionali riguardo appunto la penetrazione con la distribuzione granulometrica del marino escavato, caratteristica che condiziona il riuso del materiale ed un eventuale impianto di trattamento.
Si è inoltre valutata la possibilità di riutilizzo del materiale proveniente dal cunicolo esplorativo Aica del Tunnel di Base del Brennero, attualmente in fase di realizzazione con TBM, come aggregato per il calcestruzzo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 –Il marino come risorsa 4 1.1 Il marino come risorsa Le opere pubbliche attualmente in fase di costruzione e progettazione per la movimentazione di persone o di merci sono previste per lo più in galleria, allo scopo di ridurre gli impatti sul territorio, basti pensare alla costruzione della rete ferroviaria ad alta velocità che dovrà collegare l’Italia con i paesi confinanti dell’arco Alpino. Nei prossimi anni è dunque evidente attendersi una grandissima quantità di materiale proveniente da tali scavi e al contempo una grandissima richiesta di conglomerati necessari al rivestimento delle gallerie stesse e per le opere accessorie che inevitabilmente si affiancano ai tunnel quali fondazioni, strade,viadotti. La necessità di inerti legati a questi grandi progetti non è solo limitata a quelli per il confezionamento del calcestruzzo, basti pensare ai conglomerati necessari per la costruzione di rilevati, alla necessità di posizionare ballast ferroviario o bitume di tipo stradale. Il riutilizzo dello marino, se idoneo, da queste semplici considerazioni risulta una scelta quasi d’obbligo, ma negli anni passati tale riutilizzo è stato impedito sia dalla sua qualificazione giuridica che lo considerava come rifiuto, sia dagli operatori economici che recepivano come concorrente scomodo l’immissione di tale prodotto sul mercato. Spesso, per la grande disponibilità di riserve di ghiaia di tipo alluvionale, la lavorazione del materiale di scavo risulta essere antieconomica, ma il recupero di questo materiale offre dei vantaggi considerevoli: - possibilità di raggiungere l’autonomia di approvvigionamento di materiali inerti per il cantiere; - riduzione dei trasporti per lo smaltimento dei materiali di scavo e per l’acquisizione di inerti necessari; - possibilità di vendere a terzi il materiale in esubero; - riduzione dell’impatto ambientale determinato dalla messa in discarica di grandi quantità di materiale scavato rendendo anche migliori i rapporti con le Autorità e le Comunità locali. Attualmente, alla luce delle modifiche normative dettate dal D.Lgs. 4/2008, correttive del Testo Unico Ambiente D.Lgs. 152/2006, che hanno introdotto il concetto di “sottoprodotto”, qualificando le terre e rocce da scavo come materiali da gestire ed utilizzare per scopi produttivi e non come rifiuti; inoltre le recenti modifiche apportate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bbt
brennero
calcestruzzo
caratterizzazione
chips
marino
penetrazione
rifiuti
riuso
riutilizzo
rocce
tbm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi