Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nascita dell'università in Europa

Scopo del presente studio è quello di delineare la formazione, l'evoluzione e la diffusione in Europa dell'Università, con particolare riguardo per Bologna e per Parigi, attraverso la ricostruzione storica delle circostanze che determinarono la nascita di una scienza giuridica sul fondamento del diritto romano giustinianeo, nel periodo compreso tra la fine del XI e gli inizi del XII secolo.
Per meglio spiegare questo fenomeno, che l'Haskins ha definito "rinascenza giuridica", è necessario ripercorrere le tappe che hanno progressivamente portato la società italiana ed europea al rinnovamneto economico, sociale e culturale che decretò la crisi del chiuso e soffocato mondo feudale.
Bisogna, quindi, tratteggiare la vita quotidiana in seno alla società medievale, per meglio avvicinarsi ad una realtà che potrebbe sembrare troppo estranea a noi che viviamo nel XXI secolo.
Nell'Europa cristiana dell'XI secolo torna a manifestarsi una cultura popolare.
La cristianizzazione non era penetrata in profondità nella cultura dei nuovi cristiani, specie i contadini.
La Chiesa aveva condannato e combattuto un insieme di credenze e di comportamenti ereditati o dall'antichità romana o dal passato barbaro, definiti con il termine di paganesimo.
A partire dallo XI secolo, quando le forze della Chiesa si indirizzarono a combattere gli eretici, lo sviluppo economico aumentò l'importanza dei laici, il castello diventò un centro culturale in cui il signore e i contadini affermarono la loro identità nei confronti del clero, si assistette alla rinascita della cultura popolare.
Noi la conosciamo essenzialmente grazie ai testi ecclesiastici che la condannano, come il Decreto di Burcardo, vescovo di Worms dal 1000 al 1025, che costituisce il primo grande repertorio di "superstizioni".
Un altro strumento di comunicazione e di potere che si diffuse in questo periodo fu la redazione e la circolazione di documenti scritti.
Sono testi dotati di valore giuridico, che sono alla base dei diritti su terre, immobili,persone, rendite e che sono strumento essenziale al servizio del diritto, della ricchezza e del potere.
I principali utilizzatori e redattori di questi documenti sono stati i chierici, ma lo sviluppo urbano e quello, in primo luogo nella cristianità meridionale, dei notai, fece spazio anche ai laici.
Verso la fine dell'XI secolo fa la sua comparsa un altro strumento di sviluppo e di potere che era stato solo abbozzato da Carlo Magno: le scuole e i nuovi centri del saper e dell'insegnamento, le università.
Queste scuole, alla fine dell'XI secolo, vennero chiamate Studium generale( ossia scuola generale), che indicava sia uno statuto superiore che un insegnamento enciclopedico.
Essi si collocavano all'interno del grande movimento di organizzazione dei mestieri nelle città, formando una corporazione( da cui deriva il nome di università).
Il nome comparve per la prima volta a Parigi nel 1221, per designare la comunità dei maestri e degli studenti delle città( universitas et scolarium).
Le corporazioni universitarie del Medioevo si strutturarono seguendo due modelli: quello parigino, dove maestri e studenti formavano una sola comunità; e quello bolognese, dove solo gli studenti formavano giuridicamente l'universitas.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa. Scopo del presente studio è quello di delineare la formazione,l'evoluzione e la diffusione in Europa dell'Università,con particolare riguardo per Bologna e per Parigi,attraverso la ricostruzione storica delle circostanze che determinarono la nascita di una scienza giuridica sul fondamento del diritto romano giustinianeo,nel periodo compreso tra la fine del secolo XI e gli inizi del XII. Per meglio spiegare questo fenomeno,che l'Haskins ha definito “rinascenza giuridica”1,è necessario ripercorrere le tappe che hanno progressivamente portato la società italiana ed europea al rinnovamento economico,sociale e culturale che decretò la crisi del chiuso e soffocante mondo feudale. Bisogna,quindi,tratteggiare la vita quotidiana in seno alla società medievale,per meglio avvicinarsi ad una realtà che potrebbe sembrare troppo estranea a noi che viviamo nel XXI secolo. Nell'Europa cristiana dell'XI secolo torna a manifestarsi una cultura popolare. La cristianizzazione non era penetrata in profondità nella cultura dei nuovi cristiani, specie i contadini. La Chiesa aveva condannato e combattuto un insieme di credenze e di comportamenti ereditati o dall'antichità romana o dal passato barbaro,definiti con il termine di paganesimo. A partire dallo XI secolo,quando le forze della Chiesa si indirizzarono a combattere gli 1 Il senso di rinnovamento che permeava tutta la vita comunale fece sentire la sua influenza anche nel campo culturale e,soprattutto,in quello giuridico. Al grande spiegamento di forze nuove,materiali e morali,iniziato nel secolo XI non poteva non accompagnarsi il risveglio della vita giuridica,culminato nella riscoperta del diritto romano giustinianeo nei suoi testi originali. Alla nuova società,caratterizzata dall'esplosione di forze che da lungo tempo apparivano sopite e da un rinnovato rigoglio di vita viene dato il nome di “rinascimento giuridico”. Il rinascimento giuridico prese sostanzialmente corpo con la nascita della scuola di Bologna,un centro di cultura spontaneo,in cui non vi era istituzionalizzazione dell'insegnamento,ossia un'organizzazione che disciplinasse l'andamento di un corso di studi. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Satta Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2235 click dal 17/03/2010.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×