Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La quotazione in borsa. Il mercato Expandi.

La tesi si articola su una prima parte dedicata ai vantaggi della quotazione in borsa, in seguito si analizzano i requisiti per la quotazione in borsa sul mercato Expandi ed infine si effettua un'analisi del mercato Expandi ponendolo a confronto con l'AIM, altro mercato dedicato alle piccole e medie imprese.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Il finanziamento delle PMI 1.1 Struttura finanziaria delle PMI Il sistema economico italiano è caratterizzato dalla presenza di un elevato numero di piccole e medie imprese, che rappresentano una porzione del totale più significativa di quella riscontrabile negli altri paesi industrializzati. Le PMI italiane hanno storicamente fatto ricorso a politiche finanziare incentrate sul debito bancario in misura maggiormente rilevante rispetto alle grandi imprese e superiore anche a quello delle imprese della stessa categoria dimensionale degli altri paesi industrializzati. Inoltre l’esposizione verso le banche delle PMI italiane è fortemente squilibrata verso il breve termine. Questo è dovuto da un punto di vista strutturale dal fatto che le PMI operano spesso in realtà dove c’è una minore necessità di investimenti durevoli, mentre da un punto di vista organizzativo le PMI denotano gravi carenze in materia di pianificazione finanziaria sia in termini di mancanza di una visione di medio/lungo periodo, sia in termini di scarso ricorso a strumenti di finanza come il business plan, il budget e il controllo di gestione. I quali se implementati permetterebbero una maggiore consapevolezza della reale natura dei propri bisogni finanziari. Queste lacune portano le PMI a fare ricorso a forme di indebitamento più immediate e flessibili, rinviando a periodi futuri la valutazione delle modalità con cui fronteggiare il fabbisogno finanziario futuro. 1.2 Le fonti di finanziamento Per finanziare i propri investimenti e programmi di sviluppo le imprese devono scegliere tra tre principali macroclassi di fonti di finanziamento:  Debito;  Capitale di rischio;  Strumenti ibridi. Il Debito è caratterizzato da:  Diritto ad una remunerazione periodica non sottoposta alla discrezionalità del management dell’impresa finanziata ma fissata per contratto;  Scadenza fissa;  Deducibilità fiscale;

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Cancarini Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1233 click dal 12/03/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.