Skip to content

Tutela civilistica dei dati personali

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Pesce
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Fabrizio Marinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

Con il termine “riservatezza” si suole indicare quell’interesse, giuridicamente tutelato, volto ad impedire che altri possano carpire informazioni riguardanti la sfera privata che ognuno ha convenienza e cura di tenere nel totale segreto o di condividere con una cerchia ristretta di persone. Il sentimento naturale che sottende all’esigenza di porre una linea di demarcazione fra la sfera di ciò che deve rimanere privato e l’insieme delle informazioni che invece possono essere conosciute da altri soggetti, trova le sue radici in un bisogno fisiologico, proprio di ogni essere umano, di diversificare se stesso dalla realtà circostante ed in particolare dagli altri esseri viventi, nell’intento di affermare la propria identità personale distinta da quella di altri.
Occorre, in altri termini, evitare che vi sia un accrescimento delle altrui possibilità di interferire o modificare le condizioni non solo fisiche, ma anche psicologiche del soggetto interessato, di usare a proprio vantaggio notizie che possano porre il soggetto cui si riferiscono in condizioni di svantaggio o inferiorità o debolezza, con conseguente lesione del principio di uguaglianza e delle pari opportunità nel contesto competitivo generale.
Tale esigenza, sentita non solo dalle persone fisiche, ma anche dagli organismi sociali autonomi più complessi, quale che siano - famiglia, persone giuridiche, associazioni, enti - può atteggiarsi diversamente ed essere sentita secondo la collocazione sociale dell’individuo o dell’organismo e del ruolo che gli stessi siano chiamati a svolgere.
Non vi è dubbio che una società urbana ed industrializzata offre possibilità di anonimato e di isolamento morale che non si realizzavano in una società rurale, caratterizzata da una vita prevalentemente comunitaria.
Infatti, i progressi della tecnica e dell’organizzazione sociale hanno aperto all’ingerenza altrui possibilità prima inimmaginabili.
Dunque, la questione relativa alla tutela della vita privata del soggetto - nella molteplicità di aspetti che questa esprime - e da cui sorge un diritto alla riservatezza - si è estremamente evoluta, pur non senza difficoltà, in rapporto alla rapida evoluzione e trasformazione degli strumenti tecnici di acquisizione, elaborazione e diffusione della notizia. Tale problematica, in particolare, concerne la ricerca dei limiti di legittimazione delle attività dirette a conseguire notizie, e più specificamente l’individuazione di precisi limiti di legittimazione alla loro elaborazione e diffusione.
Un tempo, la lentezza delle trasmissioni delle informazioni, nonché la difficoltà di raccogliere materiale toccava solo sporadicamente l’esercizio delle libertà fondamentali di un individuo; ma l’introduzione delle nuove tecnologie ha reso la velocità di trasmissione del dato sempre più vertiginosa.
A tale situazione è seguita l’esigenza di indirizzare l’analisi verso strumenti di tutela dell’interesse alla riservatezza fondata sul controllo del modo e delle tecniche d’acquisizione e diffusione del dato, e, correlativamente, sul controllo sociale - lato sensu inteso - dei mezzi di comunicazione di massa.
Se è vero, dunque, che le tecnologie riguardanti il corpo – quali gli strumenti di indagine e di ricerca - sono portatrici d’enormi opportunità terapeutiche e che le tecnologie elettroniche assurgono a strumenti di liberazione dai vincoli del tempo e della distanza, esse non potevano continuare ad essere regolate da una legislazione oramai inadeguata, e ne esigevano una nuova.
Il legislatore ha, quindi, con la l.675/96, ritenuto necessario procedere ad una revisione radicale facendo in particolare fronte ad esigenze in precedenza non avvertibili, soprattutto a causa della diversa dimensione etico-sociale della problematica stessa. Questi ha dunque offerto, nella circostanza, una concreta risposta a tutte le istanze e questioni sorte negli anni precedenti per merito della dottrina e della giurisprudenza, riguardanti la tutela della persona anche rispetto al trattamento dei dati personali.
Finalità essenziale della legge 675/96, dunque, non è la protezione diretta ed esclusiva del dato, ma attraverso questa, quella della persona nella sua unicità.
Tale nuova disciplina legislativa assolve il compito di dettare limiti all’utilizzazione delle informazioni che riguardano la persona, offrendo strumenti giuridici utili alla tutela della persona stessa dagli effetti pregiudizievoli che derivano dall’acquisizione e circolazione delle informazioni in nome di quella necessità di riserbo che rappresenta un’indispensabile esigenza biologica dell’essere uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La fruizione di periodi di isolamento, materiale e psicologico, è un’esigenza biologica dell’uomo, sicché può ben affermarsi che l’aspirazione a spazi di libertà sottratti ad ingerenze altrui è eterna, quale che sia il contesto socio-economico in cui l’individuo opera 1 . Dunque, l’esigenza di riserbo, costituendo una necessità addirittura biologica dell’uomo, è un aspetto inalienabile della persona umana. Con il termine “riservatezza” si suole quindi indicare quell’interesse, giuridicamente tutelato, volto ad impedire che altri possano carpire informazioni riguardanti la sfera privata che ognuno ha convenienza e cura di tenere nel totale segreto o di condividere con una cerchia ristretta di persone. 1 Cfr. WESTIN A.F., “Privacy and Freedom”, Atheneum, New York, 1970, p. 8.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tutela della privacy
garante della privacy
diritto civile
tutela della riservatezza
legge n. 675-1996
tutela dei dati personali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi