Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Orientalismi ed esotismi nella moda contemporanea

Questa ricerca ha l’obiettivo di mostrare, attraverso un’analisi socio-semiotica e socio-linguistica, il valore simbolico della moda e soprattutto della moda femminile occidentale e delle sue contaminazioni orientali.
Per questo motivo a partire da testi cardine nel panorama della semiologia del linguaggio della moda come Roland Barthes, Georg Simmel, Ferdinand de Saussure, Patrizia Calefato, si è indagata la sintassi di questo linguaggio all’interno di una tematica, quella dell’Orientalismo e del corpo come proposto da Eleonora Fiorani e da Simona Segre.
L’analisi parte, infatti, dallo studio della moda per rileggere poi la moda stessa alla luce della nuova definizione di postcolonialismo come proposta da Young in Introduzione al postcolonialismo e in particolare attraverso la definizione di orientalismo elaborata da Edward Said nell’opera Orientalismo e poi ripresa e adattata alla moda da Simona Segre in Orientalismi.
Questo studio si prefigge, infatti, di rileggere la moda occidentale e il suo immaginario orientale, attraverso il filtro disciplinare non solo della socio-semiotica ma incrociando gli studi post-coloniali, dimostrando quindi come il linguaggio vestimentario scriva sui corpi identità e immaginari dell’Altro.
A questo proposito il terzo capitolo è dedicato alla moda orientale come vista in Occidente ma anche e soprattutto alla moda prodotta in Oriente, che arriva sulle passerelle occidentali con le sue differenze e contaminazioni culturali. L’obiettivo è quello di mostrare come dal velo, segno vestimentario di distinzione culturale e di genere si possa passare al disvelamento di una moda orientalista, come due stilisti turchi: Mustafa Karaduman e Rabia Yalcin stanno facendo, il primo rielaborando il velo islamico e la seconda abbandonandolo completamente. In entrambi i casi la moda “orientale” supera le categorie topologiche non solo in virtù di una globalizzazione dilagante ma soprattutto per le contaminazioni vestimentarie che svelano gli “orientalismi-esotismi” finora taciuti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 MODA E CONTESTO 1.1 Moda, comunicazione e usura

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Stella Biase Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4169 click dal 17/03/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.