Skip to content

Critone, dobbiamo sacrificare un gallo ad Esculapio

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Simeoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1990-91
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Mario Ruggenini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

Lo studio affronta il problema della morte assunto quale tema centrale della speculazione di Vladimir Jankèlèvitch, atipico filosofo (nonché raffinato musicologo) franco-russo, ebreo, antiintellettualista e asistematico, acceso contestatore tanto della filosofia tedesca contemporanea quanto dei fondamenti della metafisica classica, sempre tentato dall’ironia, tanto che si potrebbe stigmatizzare la sua sfida teoretica nel pensare l’ineffabile…
Punto di partenza fondamentale, che tradisce l’ascendenza bergsoniana della speculazione di Jankèlèvitch, è la considerazione del tempo come il farsi significante delle cose. Tale intima connessione tra significatività e temporalità è quanto porta il nostro ad affrontare, in ogni suo scritto, l’ambivalenza del divenire e dunque il paradosso dell’esistenza umana, verità eterna-mortale da assumere in tutta la sua contraddittoria reciprocità. In effetti, Jankèlèvitch non si stanca mai di reclamare la specificità dell’individuo di contro alle generalizzazioni e banalizzazioni positivistiche della realtà umana, riconoscendo al contempo l’impossibilità di un’ipostatizzazione logica – dunque astratta – della coscienza: quest’ultima infatti, autocreandosi in ogni istante (di consapevolezza), non può che sfuggire al determinismo, dal momento che si alimenta della stessa efferenza e discontinuità della realtà vissuta - giacché di quest’ultima costituisce e istituisce, appunto, il senso. Un senso che la realtà della morte, sopraggiungendo, nega e determina al contempo. Coscienza e pienezza sono per essenza antinomiche. Il pieno sviluppo della coscienza è di prendere la misura della nostra finitezza, di andare all’estremo di questo sentimento tragico della vita per mezzo del quale Jankèlèvitch raggiunge Pascal, non mantenendo della sua scommessa che la dignità di un rifiuto di fronte ad una sfida assoluta. Il che porta il nostro filosofo ad individuare nella morte, o meglio nel fatto di morire, l’efferenza dello spirito metafisico, il richiamo alla filosofia, giacchè è proprio con essa che la morte condivide lo stupore per l’esserci delle cose… Rilevazione che consente a Jankèlèvitch l’affermazione, più provocatoria che paradossale, che la filosofia rende inutile la morte... D'altro canto, la morte è quella crisi acuta che sostituisce, nell’uomo non metafisico, la questione che sta alla base della (di ogni) speculazione filosofica: perché qualcosa piuttosto che niente?
Tuttavia, pur sottolineando la valenza metafisica della morte, la meditazione di Jankèlèvitch si pone comunque sul piano dell’esistenza. Egli non ha certo la pretesa di dissolvere, quanto piuttosto di avvalorare, corroborare, l’ambiguità della realtà umana, ovvero del divenire, giacché nell’alternativa pensiero-morte la reciprocità è tanto totale quanto improbabile ne è una sua soluzione. Anzi, è proprio in tale alternativa che sta la condizione vitale di quel paradosso incarnato che è l’uomo, un essere che ha avuto luogo e che per ciò stesso non potrà mai essere considerato inaccaduto… Nichilizzare l’esserci stato, l’aver avuto luogo, significherebbe infatti nichilizzare la temporalità stessa del tempo. L’irrevocabile sta nell’effettività della (di ogni) vita umana: è il puro fatto metaempirico che è irrevocabile, il puro e semplice fatto che. E’ questa la grande ironia di Jankèlèvitch, forse l’unica priva finalmente di ogni autocompiacimento: non c’è alcun segreto, né mistero nascosto, non c’è un fondamento scoperto il quale rinvenire il senso della vita…
Speculazione, quella jankèlèvitchiana, che nella presente tesi ci porta ad avanzare alcune perplessità…

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
parte prima VLADIMIR JANKÉLÉVITCH NELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

durata
ebraismo
esistenzialismo
ironia
istante
morte
filosofia teoretica
henry bergson
ermeneutica filosofica
vladimir jankélévitch

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi