Skip to content

La perdita del pudore nell'arte contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Maria Luisa Brumana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Accademia Giacomo Carrara Bergamo
  Facoltà: Teoria e Pratica dei Linguaggi Artistici Contemporanei
  Corso: Accademia di Belle Arti
  Relatore: Marinella Paderni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

Sembra che nel nostro contesto sociale contemporaneo il termine pudore sia estremamente difficile da definire e abbracciare con una sola definizione.
Nell’epoca della liquidità delle idee e delle situazioni, questo stato di coscienza è positivo e inopportuno, necessario e obsoleto, è virtù e debolezza a seconda del soggetto e della situazione in cui viene valutato.
Traccia una linea all’interno delle nostre persone, evidenzia il confine fino all’estremità raggiungibile, ma non oltrepassabile, proteggendo ciò che non vogliamo dire o vedere. Meccanismo unico ed esclusivo, è parte indispensabile e costante dell’esistenza dell’individuo umano.
All’inizio della seconda metà del Novecento l’attentato al pudore e la provocazione erotica erano un gesto di ribellione sociale, indispensabile soprattutto per le rivendicazioni femministe. Ora che la donna occidentale ha ottenuto libertà sessuale e parità sociale, sono diventati una necessità, un mezzo di crescita per l’artista stesso. Candore, decenza, modestia non sono aggettivi da usare per descrivere il lavoro di un vero artista contemporaneo. Caratteristica fondamentale, che differenzia un’opera che colpisce da una che passa inosservata, è la concentrazione di verità e autenticità che l’autore impiega. E se il prezzo della verità fosse la resa della pudicizia?
Investigerò sul ruolo dell’artista donna in relazione a questo argomento, partendo dall’emancipazione rivendicata negli anni Sessanta, per arrivare in particolare ai nostri giorni, postulando se ha ancora senso parlare di pudore in arte, se ne esiste ancora o se forse non è mai appartenuto a questa categoria; sottolineando che per l’artista contemporaneo il mostrarsi nell’intimità e lo spogliarsi dei tabù non è solo una denuncia o un’incisiva provocazione, ma una profonda necessità interiore di espressione.
L’analisi deve quindi partire dal presupposto basilare di non attribuire valori morali o critiche gratuite, non sono un giudice che delibererà una sentenza, ma un osservatore che analizzerà il fenomeno, partendo dal suo significato intrinseco, dal contesto sociale e dalle ragioni che lo considerano negativo o costruttivo, viaggiando in compagnia di artiste ormai osannate nei libri di storia dell’arte e altre meno conosciute, ma altrettanto coraggiose.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5Introduzione Sembra che nel nostro contesto sociale contemporaneo il termine pudore sia estremamente difficile da definire e abbracciare con una sola definizione. Nell’epoca della liquidità delle idee e delle situazioni, questo stato di coscienza è positivo e inopportuno, necessario e obsoleto, è virtù e debolezza a seconda del soggetto e della situazione in cui viene valutato. Traccia una linea all’interno delle nostre persone, evidenzia il confine fino all’estremità raggiungibile, ma non oltrepassabile, proteggendo ciò che non vogliamo dire o vedere. Meccanismo unico ed esclusivo, è parte indispensabile e costante dell’esistenza dell’individuo umano. Il pudore si sviluppa mediante la rottura di certe barriere elevate per difendere la propria intimità e irripetibilità; nasce da una condizione sociale e da regole imposte mediante

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aids
arrossire
arte
arte contemporanea
arte del novecento
arte donna
artiste
bourgeois
buremi
carol rama
djurberg
emin
femminismo
fotografia
genitali
goldin
perdita
performance
pudore
scandalo
sesso
sessualità
vergogna
videoarte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi