Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La capitalizzazione dei costi secondo i principi contabili nazionali e internazionali. Il caso: OLT Offshore LNG Toscana S.p.A.

La progressiva globalizzazione dell’attività economica delle imprese, alimentata da un mercato dei capitali sempre più internazionale, ha reso necessaria l’adozione di standard di riferimento omogenei e comuni, che consentano di implementare un’armonizzazione dell’informativa economico-finanziaria a livello globale.
Ho deciso di focalizzare la mia attenzione su questo argomento proprio in virtù del fatto che ci troviamo in un contesto di profondo cambiamento in materia di bilancio.
In Italia, infatti, alla luce dell’introduzione delle normative comunitarie che hanno introdotto le diverse novità in tema di redazione del bilancio, si sono delineati due insiemi di società, le quali redigono i propri bilanci d’esercizio individuali e consolidati facendo riferimento a due sistemi contabili differenti ed alternativi:
- il sistema contabile basato sui principi contabili internazionali emanati dallo IASB e recepiti dall’Unione Europea tramite un processo di omologazione;
- il sistema contabile fondato sulla normativa nazionale, ancorato al D. Lgs. n. 127 del 1991 e successive modifiche.
Con il mio lavoro mi propongo di fare un confronto tra l’attuale disciplina nazionale e quella internazionale, concentrandomi in particolar modo sulla possibilità di capitalizzare o meno alcuni tipi di costi, e in che modo, a seconda del tipo di bilancio che si andrà a redigere.
A tal fine, la tesi parte da un quadro generale per poi andare a definire, nella pratica, le dinamiche delle diverse operazioni contabili.
La prima parte è dedicata ad un’elaborazione teorica delle metodologie di contabilizzazione e capitalizzazione dei costi in vari ambiti, utile come base per poi procedere, nella seconda parte, all’applicazione pratica con l’analisi del caso di project financing della società OLT Offshore LNG Toscana S.p.A.
Relativamente alla prima parte, nell’introduzione offro un quadro generale di quelli che sono i principi contabili nazionali e internazionali, al fine di fornire un contesto utile a comprendere le dinamiche analizzate nei capitoli successivi.
Nel primo capitolo vengono presentate nel dettaglio le principali definizioni delle voci di costo e le diverse metodologie di rilevazione in bilancio, previste sia dalla disciplina nazionale che da quella internazionale.
Nel secondo capitolo, viene effettuato un confronto relativamente ai vari metodi di contabilizzazione e capitalizzazione dei costi; in particolare, la mia analisi si sofferma sulle immobilizzazioni tecniche (immateriali e materiali), sulla valutazione delle rimanenze di magazzino, nonché sugli oneri finanziari, i quali rappresentano la voce di costo che più frequentemente compare nelle operazioni relative alle attività patrimoniali in questione.
Nella seconda parte dell’elaborato viene analizzato l’interessante caso del project financing, il quale offre numerosi spunti di ragionamento sulle possibilità di capitalizzare o meno determinate voci di costo, quando si è in presenza di un evento molto particolare come quello della finanza di progetto.
Nell’ambito del primo capitolo sono stati esaminati gli aspetti caratterizzanti del project financing, analizzando attentamente i soggetti coinvolti nell’operazione, le tipologie e le fasi del progetto.
Nel secondo capitolo, invece, si passa all’analisi vera e propria della società OLT Offshore. Vengono infatti descritte le dinamiche delle operazioni intercorse tra le società coinvolte nel progetto, ma non solo: l’attenzione sarà soprattutto focalizzata su come vengono capitalizzati i costi in un progetto simile, e con quali conseguenze sul bilancio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa La progressiva globalizzazione dell’attività economica delle imprese, alimentata da un mercato dei capitali sempre più internazionale, ha reso necessaria l’adozione di standard di riferimento omogenei e comuni, che consentano di implementare un’armonizzazione dell’informativa economico-finanziaria a livello globale. Ho deciso di focalizzare la mia attenzione su questo argomento proprio in virtù del fatto che ci troviamo in un contesto di profondo cambiamento in materia di bilancio. In Italia, infatti, alla luce dell’introduzione delle normative comunitarie che hanno introdotto le diverse novità in tema di redazione del bilancio, si sono delineati due insiemi di società, le quali redigono i propri bilanci d’esercizio individuali e consolidati facendo riferimento a due sistemi contabili differenti ed alternativi:  il sistema contabile basato sui principi contabili internazionali emanati dallo IASB e recepiti dall’Unione Europea tramite un processo di omologazione;  il sistema contabile fondato sulla normativa nazionale, ancorato al D. Lgs. n. 127 del 1991 e successive modifiche. Con il mio lavoro mi propongo di fare un confronto tra l’attuale disciplina nazionale e quella internazionale, concentrandomi in particolar modo sulla possibilità di capitalizzare o meno alcuni tipi di costi, e in che modo, a seconda del tipo di bilancio che si andrà a redigere. A tal fine, la tesi parte da un quadro generale per poi andare a definire, nella pratica, le dinamiche delle diverse operazioni contabili. La prima parte è dedicata ad un’elaborazione teorica delle metodologie di contabilizzazione e capitalizzazione dei costi in vari ambiti, utile come base per poi procedere, nella seconda parte, all’applicazione pratica con l’analisi del caso di project financing della società OLT Offshore LNG Toscana S.p.A. Relativamente alla prima parte, nell’introduzione offro un quadro generale di quelli che sono i principi contabili nazionali e internazionali, al fine di fornire un contesto utile a comprendere le dinamiche analizzate nei capitoli successivi. Nel primo capitolo vengono presentate nel dettaglio le principali definizioni delle voci di costo e le diverse metodologie di rilevazione in bilancio, previste sia dalla disciplina

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Michela Esposito Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2477 click dal 26/03/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.