Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elaborazione di immagini speckle per la misura di spostamenti bi- e tridimensionali

In questo lavoro, è stata sviluppata una metodologia finalizzata alla misurazione di spostamenti e deformazioni tramite una tecnica di elaborazione digitale delle immagini.
In maniera particolare nella prima parte, si è voluto sviluppare un sistema che permettesse di effettuare la misura bidimensionale degli spostamenti e delle piccole deformazioni del campo inquadrato dal sistema di acquisizione.
Nella seconda parte, è stata sviluppata una metodologia che utilizzando i principi della stereoscopia ottica, individua in maniera automatica posizioni e spostamenti fuori dal piano, rendendo così possibile l’analisi tridimensionale.
In questo modo è possibile determinare spostamenti tridimensionali ed effettuare misure di forma.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE In questo lavoro, è stata sviluppata una metodologia finalizzata alla misurazione di spostamenti e deformazioni tramite una tecnica di elaborazione digitale delle immagini. In maniera particolare nella prima parte, si è voluto sviluppare un sistema che permettesse di effettuare la misura bidimensionale degli spostamenti e delle piccole deformazioni del campo inquadrato dal sistema di acquisizione. Nell’utilizzo e sviluppo di strutture o per caratterizzare materiali compositi, metalli, schiume (attualmente sempre più utilizzati nei componenti aeronautici ed automobilistici), è necessario conoscere come i meccanismi della deformazione e della rottura agiscono su questi. Spesso questo tipo d’analisi pone una serie di problemi, poiché sotto carico, può essere necessario misurare la deformazione sull'intera superficie del provino. In questo caso, quando possibile, la misura effettuata tra due soli punti tramite estensometri, o quella locale tramite estinsimetri, potrebbe non essere sufficiente. Per effettuare misurazioni di questo genere oggi vengono adoperate tecniche oleografiche, interferometria laser o tecniche moire', che se da una parte permettono di ottenere buoni risultati, sono però di difficoltosa attuazione poiché il loro impiego necessita sia di un’attrezzatura particolare per la generazione dell'immagine da acquisire (per esempio campi speckle ottenuti con il laser, frange di Young), sia di un'attrezzatura specifica, che ne rende difficoltoso l'utilizzo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Cristian Gallas Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2049 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.