Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La percezione sociale del volto

Questo lavoro analizza le impressioni di personalità suscitate dall'osservazione di alcuni volti. Sulla scorta di lavori condotti dagli psicologi della percezione americani, intende dimostrare che ci formiamo un'idea degli altri, in assenza di altre informazioni, anche in base alle caratteristiche morfologiche e somatiche del viso.
Si procede attraverso il giudizio di personalità su alcuni volti da parte di un gruppo di osservatori per mezzo di un differenziale semantico e si perviene alla conclusione che alcuni tratti del viso, in particolare lo spessore delle labbra e la grandezza dell'iride, sono rilevanti nella formazione di impressioni di personalità.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione E’ credenza abbastanza diffusa che il volto sia uno specchio in cui si riflette il carattere dell’individuo. Questa credenza si manifesta in diversi modi. Molti scrittori fanno uso delle associazioni tra forma del viso e personalità per parlarci dei loro personaggi allo stesso tempo in cui ce li presentano fisicamente. Shakespeare era solito descrivere il viso dei personaggi delle sue tragedie nella convinzione di trasmettere al lettore il carattere del personaggio stesso in modo più vivido e incisivo di quanto avrebbe potuto ottenere attraverso una descrizione diretta della sua personalità. Liggett (1974) riporta che più del 90% degli studenti di college americani pensa che il viso costituisca una fonte di informazione valida sulla personalità. La questione a questo punto è: questi legami in base a cui le persone associano una certa apparenza fisica ad un certo carattere sono semplici fantasie o colgono nel segno? Prescindendo per il momento da questa questione vorrei approfondire il discorso sul viso. Esso fa parte degli indizi che utilizziamo per capire chi è la persona che abbiamo di fronte. Le altre informazioni che si utilizzano per la conoscenza dell’altro possono essere divise in verbali e non verbali: tra gli aspetti verbali si può annoverare ciò che una persona dice di sé e ciò che gli altri dicono di lei. Tra gli

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Salvatore Crino Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8669 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.