Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Restrizioni all'attività di short selling e impatto sui mercati finanziari

Nei mesi più bui della recente crisi finanziaria le autorità responsabili dei principali mercati finanziari europei e non, decisero di porre un limite alle così dette "vendite allo scoperto" (vere e proprie scommesse al ribasso sull'andamento dei titoli) considerate quale acceleratore nel pesante crollo dei listini mondiali.
La tesi analizza statisticamente ed economicamente gli effetti di tali restrizioni servendosi di alcune serie storiche di dati relative alle quotazioni di borsa dei principali mercati europei, americani ed asiatici.

Mostra/Nascondi contenuto.
  IV  Introduzione Questo lavoro dal titolo “Restrizioni all’attività di short selling e impatto sui mercati finanziari”, si può articolare concettualmente in tre parti suddivise in quattro capitoli a loro volta composti di vari paragrafi. L’argomento principale cui si fa riferimento è, appunto, lo short selling, o vendita allo scoperto, un’operazione finanziaria dove chi si avvale di attese ribassiste può vendere un certo quantitativo di titoli, non posseduti materialmente ma presi a prestito da un soggetto terzo, nella speranza che la propria aspettativa si confermi incassando così il controvalore derivante dal differenziale tra prezzo di vendita incassato e l’esborso necessario a riacquistare un quantitativo di titoli pari a quello inizialmente preso a prestito e da restituire al legittimo proprietario su richiesta o alla scadenza concordata. Da tale semplice operazione possono derivare una serie di attività di considerazioni notevoli ed è per questo che il lavoro si articola come segue: Nel primo capito si fa una breve introduzione dell’argomento contestualizzandolo nella crisi odierna che secondo alcuni pareri sembra essere in qualche modo collegata anche alle operazioni di vendita allo scoperto. Dopo aver dato una definizione tecnica di tali operazioni (paragrafo 1.2) si passa all’esame di alcuni divieti imposti dalle diverse autorità mondiali sulle stesse elencando le principali date e alcuni titoli italiani colpiti dal divieto. Si riportano poi alcuni pareri e commenti tecnici delle autorità sulla materia che sembra godere di un interesse trasversale in giro per il mondo. In particolare, nel paragrafo 1.3, si riportano alcuni pareri concernenti il dibattito intervenuto recentemente tra SEC e alcuni studiosi in merito alla così detta “uptick rule”, regola che tendeva a limitare lo short selling, introdotta negli anni trenta e poi abolita dalla SEC nel 2007 a seguito dl così detto “pilot-test” che è descritto brevemente sempre nel primo capitolo. Si prosegue poi parlando degli hedge fund e delle strategie in cui tali soggetti utilizzano le vendite allo scoperto poiché è proprio verso tali soggetti che sono ricaduti sospetti e preoccupazioni di molti, detrattori e non, di questa categoria di fondi.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Albanese Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 710 click dal 01/04/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.