Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autostima, autoefficacia, identità di genere e soddisfazione lavorativa: una ricerca sul campo

Nella società moderna, alcuni individui appaiono ai nostri occhi più forti, più agili, dinamici e creativi rispetto ad altri pur avendo magari lo stesso quoziente intellettivo. Esistono, infatti, dei fattori individuali che rendono una persona meno vulnerabile allo sviluppo di condizioni di disagio psichico e fattori che rendono un individuo più brillante ed efficace rispetto ad un altro. La psiche umana, nei suoi aspetti cognitivi ed emotivi, possiede le energie per creare le condizioni che favoriscono la crescita di personalità mature ed efficaci, con confini ben strutturati e un Io consapevole e forte. Il presente lavoro è articolato in tre capitoli. Il primo capitolo prende in esame il concetto di autoefficacia personale e di autostima. La prima esprime le grandi potenzialità della mente umana di rappresentare se stessa in modo coerente, in un dinamismo continuo e positivo, in grado di rendere l’individuo capace di autodeterminarsi rispetto alle difficoltà della vita quotidiana. La seconda si rivela fondamentale nella vita di ciascun individuo poiché può rischiare di esporre il soggetto allo sviluppo di condizioni di disagio psichico rendendolo inadeguato all’apprendimento di valide strategie di adattamento. Difatti le conseguenze di una buona o cattiva autostima incidono sui successi o i fallimenti in determinate attività, ed in linea generale sul complessivo benessere psicologico. Il secondo capitolo richiama all’importanza del benessere psicologico nella sfera lavorativa della persona e al senso forte che le rappresentazioni di genere rivestono nelle pratiche reali della vita sociale in particolare quelle che ruotano intorno allo status, al prestigio e al potere (Ortner & Whitehead, 2000). Nel terzo e ultimo capitolo, attraverso un lavoro di ricerca effettuato nel territorio siracusano con un campione di 100 individui, viene sottoposto a verifica il legame tra autostima, autoefficacia, soddisfazione lavorativa ed identità di genere, riferendosi alle precedenti teorizzazioni.
I temi affrontati appaiono di notevole interesse al fine di implementare nell’individuo la consapevolezza e l’importanza nell’accrescere la propria autostima e la propria autoefficacia al fine di essere soddisfatti del proprio modo di essere e di agire nel mondo sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Una delle domande più ricorrenti che mi ha spinto ad intraprendere questo lavoro di tesi è stato l’interesse che ho sempre avuto per le potenzialità umane ed i suoi limiti. Nella società moderna, alcuni individui appaiono ai nostri occhi più forti, più agili, dinamici e creativi rispetto ad altri pur avendo magari lo stesso quoziente intellettivo. Esistono, infatti, dei fattori individuali che rendono una persona meno vulnerabile allo sviluppo di condizioni di disagio psichico e fattori che rendono un individuo più brillante ed efficace rispetto ad un altro. La psiche umana, nei suoi aspetti cognitivi ed emotivi, possiede le energie per creare le condizioni che favoriscono la crescita di personalità mature ed efficaci, con confini ben strutturati e un Io consapevole e forte. Il presente lavoro è articolato in tre capitoli. Il primo capitolo prende in esame il concetto di autoefficacia personale e di autostima. La prima esprime le grandi potenzialità della mente umana di rappresentare se stessa in modo coerente, in un dinamismo continuo e positivo, in grado di rendere l’individuo capace di autodeterminarsi rispetto alle difficoltà della vita quotidiana. La seconda si rivela fondamentale nella vita di ciascun individuo poiché può rischiare di esporre il soggetto allo sviluppo di condizioni di disagio psichico rendendolo inadeguato all’apprendimento di valide strategie di adattamento. Difatti le conseguenze di una buona o cattiva autostima incidono sui successi o i fallimenti in determinate attività, ed in linea generale sul complessivo benessere psicologico. Il secondo capitolo richiama all’importanza del

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Luca Cianci Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9944 click dal 01/04/2010.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.