Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Organizzazione aziendale delle società sportive

Le società calcistiche, oggi più che mai, sono diventate imprese a tutti gli effetti: redigono un bilancio, necessitano un equilibrio finanziario e devono riuscire a creare un profitto. La società con tutte le sue componenti dir. sportivo, dir. tecnico, dir. marketing, ecc., devono coordinarsi e svilupparsi il più possibile correttamente, per una sana gestione che migliorerà i risultati economici e calcistici. Nella mia tesi ho cercato di analizzare come vengono gestite le società sportive. Questo attraverso uno studio di testi, letture di articoli, comparazioni con la realtà esistente e un’esperienza personale sul campo presso la Federazione Italiana Giuoco Calcio. Nel corpo centrale della tesi viene trattata la gestione della società di calcio. Viene illustrata come sia strutturata una società sportiva con le relative interazioni interne; a supporto di questo, seguendo il modello di studio LUISS, vengono riportati esempi di società esistenti di piccola, media e grande dimensione che nel tempo hanno modificato la loro organizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA 4-4-2, 4-3-1-2, 3-5-2... l‟organizzazione di una squadra di calcio si modifica e cambia a seconda dell‟avversario che si incontra, questo per saper rispondere meglio all‟avversario e vincere la partita. Allo stesso modo la società sportiva, o una qualunque azienda, si deve saper organizzare e modificare nel tempo, per affrontare le insidie del mercato e competere con le imprese concorrenti. Le società calcistiche, oggi più che mai, sono diventate imprese a tutti gli effetti: redigono un bilancio, necessitano un equilibrio finanziario e devono riuscire a creare un profitto. La palla corre veloce alla punta, sponda sul mediano che di prima lancia il terzino in sovrapposizione. Arrivato sul fondo cross al centro per il centravanti di peso (se lo possiedi) che incorna di testa...ed è goal! Un‟organizzazione ben oliata e perfetta permette di giungere al goal e vincere la partita. I vari interpreti: il terzino che ha una gran corsa, la seconda punta determinata, il vecchio mediano dai piedi buoni bandiera della squadra, l‟attaccante di peso appena acquistato sul mercato e l‟allenatore che dirige. Il fatto di conoscersi e coordinarsi, l‟inserimento di nuovi giocatori, il riuscire ad infondere l‟idea di un obiettivo comune fa raggiungere il risultato. La società con tutte le sue componenti dir. sportivo, dir. tecnico, dir. marketing, ecc., devono coordinarsi e svilupparsi il più possibile correttamente, per una sana gestione che migliorerà i risultati economici e calcistici. Nella mia tesi ho cercato, non come fa un tifoso la domenica che si sente allenatore della propria squadra, di analizzare come vengono gestite le società sportive. Questo attraverso uno studio di testi, letture di articoli, comparazioni con la realtà esistente e un‟esperienza personale sul campo presso la Federazione Italiana Giuoco Calcio. Nel primo capitolo viene presentato cosa sia il bene sport – calcio nello specifico. Fondamentale sono state la lettura di numerosi articoli di studiosi e di libri di esperti del campo. Da questi ho appreso, e qui riporto, le varie sfaccettature che ha il bene, come va inteso e come si riesca a sfruttarlo. Il prodotto ultimo delle società è l‟evento sportivo e l‟immagine che ad esso si associa. Lo sfruttamento di questo produce ricavi ed è la fonte dei guadagni. Nel secondo capitolo viene presentato il sistema in generale. Noi siamo il risultato del nostro passato e di ciò che ci circonda. Per questo c‟è una presentazione della storia evolutiva del calcio, che parte dall‟antica Grecia, passa per il calcio fiorentino e giunge fino ai giorni nostri. Una rappresentazione teatrale non va in scena senza gli attori, ed ecco spiegata l‟importanza delle leghe e del bilanciamento della competizione. Il premio Nobel Szymanski attraverso un‟analisi empirica ha rivisto le vecchie teorie del competitive balance nei campionati. Vengono poi presentate le leghe sportive internazionali (FIFA, UEFA) e nazionali (FIGC, LNP, LND) ed il valore economico che ruota intorno al mondo del pallone. Circa 15 miliardi di euro il giro d‟affari, il 4 per cento della popolazione mondiale è coinvolta nel calcio. Il terzo capitolo verte sui sistemi legislativi, la storia e leggi. Il più importante passaggio storico è stato quello della trasformazione delle società sportive da no-profit ad avere la possibilità del fine di lucro. Con un occhio anche alle ultime leggi emanate

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Ruggero Rinaldin Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8962 click dal 20/04/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.