Skip to content

Il comunismo di Dolores Ibàrruri

Informazioni tesi

  Autore: Alice Morelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Facoltá di Scienze Politiche “Cesare Alfieri”
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Laurea Triennale, Classe XIV
  Relatore: Claudio De Boni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

Che possibilità di lasciare un ricordo nella memoria storica aveva una donna nata nel seno di una famiglia modesta alla fine del XIX secolo? Senza dubbio poche. Nel caso arrivasse all’età adulta, cosa che non si poteva dare per scontato, il destino che l’aspettava era quasi sempre il solito. Un matrimonio con un uomo dal quale non si poteva aspettare troppe attenzioni dopo il breve periodo di corteggiamento. Il duro lavoro giornaliero, in casa e forse anche fuori. Le difficoltà di arrotondare il bilancio a fine mese con tutte le spese di casa. I successivi parti, a volte seguiti dalla morte del figlio, e il pronto invecchiamento. La tradizionale consolazione della religione. Una vita, alla fin fine, che è stata della maggior parte delle donne da secoli e secoli, con abbondanti pene e poca allegria.
Molto differente, ma non meno drammatico, fu il cammino di Dolores Ibàrruri. Lei stessa di fronte la morte lo riassunse con una frase lapidaria: “Pensai di essere credente e abbandonai la fede. Volli fare la maestra per bambini e fui una propagandista rivoluzionaria; sognai la felicità e la vita mi colpì duramente, nei sentimenti più intimi, negli affetti più profondi...”
Cosa la portò a convertirsi nell’incarnazione stessa della militanza comunista? Da un lato le sue doti personali: intelligenza naturale, carattere indomabile e combattivo, fermezza e caparbietà davanti alle difficoltà, una voce che coinvolgeva le moltitudini, forse incluso un temperamento religioso che si manifestò attraverso una fede laica.
Ma ovviamente anche tutta una serie di casualità va costruendo la sua biografia. La maestra che le suscitò l’interesse per la lettura. Il fidanzato cattolico con il quale non si sposò e il fidanzato socialista con il quale sì che lo fece. Le parole opportune nel momento e nel luogo adeguato, quel “No pasaràn!” davanti a un microfono della radio durante i primi momenti della Guerra Civile. E in primo luogo qualcosa di così semplice come il luogo in cui nacque, un bacino minerario che era uno dei fuochi principali dell’imminente movimento operaio spagnolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo Una vizcaína del bacino minerario Dolores Ibárruri Gómez nacque il 9 di dicembre del 1895 in Gallarta, la principale località del bacino minerario di Sommorrostro. Nella sua autobiografia militante, che pubblicò nel 1960 con il titolo di “El único camino”, affermava che i paesi del bacino erano per lo più tristi e sporchi, senza parchi né giardini, né strade grandi.2 Ma in interviste concesse nei suoi ultimi anni emergono ricordi più grati di una Gallarta attiva e chiassosa, dove vivevano anche famiglie ricche, il mercato era buono e la banda del paese animava le domeniche in piazza.3 Le case unifamiliari dei ricchi, con le loro verande e i fiori nel piccolo giardino; le case più modeste, invece, e i resti delle baraccopoli, dove originariamente alloggiavano le compagnie di minatori e che furono abbattute negli anni Sessanta, e i nuovi edifici che si costruirono un po‟ più lontano dalle esplosioni fatte in miniera. Dolores ricordava che ai suoi tempi, quando era piccolina, le case del paese erano separate dalle mine solamente per la ferrata mineraria. Questo voleva dire che, essendo l‟esplosione a cielo aperto, i bambini potevano vedere lavorare i propri genitori, ma dovevano anche riparare in casa all‟ora dell‟esplosione, per non correre il 2 D. Ibárruri (1960): El único camino, p. 116. 3 L. Haranburu e P. Erroteta (1977): Dolores Ibárruri, pp. 67-70.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi