Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Controlli analitici funzionali alla gestione del consolidamento in autoclave di legni archeologici

E’ stata effettuata una serie preliminare di analisi diagnostiche su alcuni elementi lignei saturi d'acqua al fine di caratterizzarli dal punto di vista compositivo e del degrado. In una seconda fase i reperti sono stati consolidati apportando una variazione al metodo di consolidamento Molinari, successivamente si sono eseguiti controlli analitici mirati alla verifica dell'efficacia dei trattamenti di restauro.
Scopo del lavoro è stato quello di valutare l'effettiva versatilità del trattamento consolidante qui utilizzato, il metodo Molinari, sia variando la concentrazione di resina consolidante prevista per l'impregnazione, sia sottoponendo a trattamento un maggior numero di specie lignee rispetto alle precedenti esperienze conservative.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Figura 1 Ravenna, il relitto del Parco Teodorico in fase di recupero. 1 SCOPO DELLA TESI La tesi nasce a conclusione dell’attività di studio svolta presso il laboratorio di conservazione e restauro del Dott. Costantino Meucci a Roma, ove erano in corso di svolgimento trattamenti conservativi di legni archeologici saturi di acqua. Oggetto del lavoro è stato quello di effettuare una serie preliminare di analisi diagnostiche su alcuni elementi lignei saturi d’acqua al fine di caratterizzarli dal punto di vista compositivo e del degrado. In una seconda fase si sono eseguiti controlli analitici mirati alla verifica dell’efficacia dei trattamenti di restauro. I materiali oggetto dello studio provengono da due diversi siti archeologici: l’area del Parco di Teodorico a Ravenna, dove nel 1999 fu rinvenuta una imbarcazione tardo-romana (Fig.1), e la Villa dei Papiri ad Ercolano, ove recentemente, tra la fine del 2007 ed i primi mesi del 2008, sono stati rinvenuti numerosi manufatti lignei con differente stato di alterazione (Fig. 2). Scopo del lavoro è quello di valutare l’effettiva versatilità del trattamento consolidante qui utilizzato, il metodo Molinari già oggetto di studio da parte dello stesso Dr. Meucci (Meucci & Molinari, 2007), sia variando la concentrazione di resina consolidante prevista per l’impregnazione, sia sottoponendo a trattamento un maggior numero di taxa lignei rispetto alle precedenti esperienze conservative.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Daria Vignaroli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 234 click dal 08/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.