Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Premio Scipione tra continuità e fratture. Cinque edizioni in cinquant'anni.

La tesi verte su una manifestazione artistica, il Premio Scipione, istituita a Macerata nel 1955, la cui ultima edizioni è datata 2002. La mostra è stata caratterizzata da un percorso dicontinuo, contrassegnato da numerose trasformazioni che di volta in volta hanno saputo rispecchiare il clima artistico nazionale ed internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il Premio Scipione venne istituito nel 1955 dalla Brigata Amici dell’Arte di Macerata, Associazione senza scopo di lucro, che animò la vita artistica-culturale della città a partire dagli anni Quaranta. La manifestazione fu ideata con lo scopo di sollecitare attenzione e promozione verso le dinamiche dell’arte contemporanea, rendendo omaggio all’artista Gino Bonichi, prematuramente scomparso. Meglio conosciuto con l’appellativo di Scipione, Bonichi è considerato uno degli interpreti affermati della pittura del Novecento. Nato a Macerata nel 1904, si trasferì in seguito a Roma con la famiglia, dando vita alla “Scuola di Via Cavour” che fu il primo nucleo della più nota “Scuola romana”. In memoria del pittore, la città di Macerata istituì il Premio Scipione come “Premio Nazionale Biennale di Pittura”, un concorso aperto ad artisti di qualsiasi formazione artistica. Il Premio ha avuto negli anni un percorso discontinuo ed eterogeneo per formule organizzative, finalità, statuti, interrotto ormai dal 2002. Cinque sono state le edizioni realizzate in cinquant’anni. Visionando i cataloghi, è stato possibile rintracciare le strutture ed i criteri di assegnazione dei premi, che hanno governato la manifestazione nelle diverse edizioni: da libero concorso sottoposto a giuria nelle edizioni del 1955 e del 1957, a mostra su invito nel 1964, si è arrivati alla formula selettiva di una rosa di artisti appartenenti a diverse generazioni nel 2000, fino all’ultima edizione tenutasi nel 2002, nella quale si è giunti ad un unico curatore, per definire una più coerente proposta critica. Il caso del Premio Scipione è emblematico per registrare le numerose trasformazioni che hanno caratterizzato il panorama artistico territoriale in relazione all’ambito nazionale ed internazionale, dall’immediato dopoguerra all’insorgere del nuovo secolo. Il percorso della manifestazione risulta, come evidenziato innanzi, non lineare, attraversato da una profonda frattura tra le scelte metodologiche ed estetiche che hanno segnato le edizioni degli anni Cinquanta e Sessanta, e i principi con cui sono state strutturate le più recenti edizioni del 2000 e del 2002. Il lasso di tempo intercorso tra le prime edizioni e le seconde è del resto tale, da richiamare grandi differenze nelle proposte artistiche, che risultano in linea con esiti modificatisi negli anni, per i quali bisogna tener presente anche il ruolo della critica e del pubblico. La sua iniziale formulazione, dettata dalla necessità di incidere con nuove sollecitazioni culturali all’interno del tessuto, non solo cittadino naturalmente, si è trasformata ed anche adattata agli attuali scenari dell’arte. Le prime tre edizioni sono state contrassegnate da scelte organizzative abbastanza omogenee, gli artisti partecipanti, molti dei quali già riconosciuti nel panorama nazionale, si

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Scheggia Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 256 click dal 23/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.