Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accesso al credito per le imprese assicurate

Il lavoro affronta il tema attualissimo dell'accesso al credito per le imrpese che presentino una adeguata copertura assicurativa. Nella situazione attuale di credit crunch e alla luce degli accordi di Basilea per gli istituti di credito, si è dettagliatamente analizzato il ruolo che potrebbero giocare le coperture assicurative al fine di un accesso al credito da parte delle imprse più semplice e a condizioni migliori.
Si è analizzato l'impatto delle coperture assicurative sui requisiti patrimoniali imposti da Basilea II, l'impatto sulla formula del calcolo del pricing dei finanziamenti, capital requirement, loss given default...
Inoltre sono stati analizzati in tale ottica i rapporti tra banche ed assicurazioni, tra competizione e cooperazione, l'eventualità futura di una definizione del rating delle coperture assicurative al fine di una più agevole valutazione anche da parte degli istituti di credito.
Infine un capitolo è dedicato al marketing delle compagnie di assicurazione, sempre nell'ottica dell'accesso al credito per le imprese.
Inoltre in un lavoro successivo alla tesi stessa sono disponibili slides che riassumono gli impatti di cui sopra in modo quantitativamente dettagliato, su richiesta.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L obiettivo del presente lavoro Ł quello di analizzare come possano cambiare le opportunit di accesso al credito per le imprese che presen tino adeguate coperture assicurative agli istituti bancari, alla luce dei nuovi coefficienti e metodi di assegnazione del rating aziendale a seguito del Nuovo Accordo di Basilea. Il lavoro si divide in quattro capitoli, ciascuno dei quali affronta una problematica diversa ma sempre collegata a quella principale, ossia il legame tra imprese, compagnie di assicurazione e banche, in uno scenario come quello odierno, in cui le imprese faticano sempre piø ad ottenere un affidamento da parte degli istituti di credito, a seguito sia dell avvento di Basilea 2 sia della situazione congiunturale attuale, in seguito alla quale le banche hanno ancor piø stretto la corda. Per quanto detto Ł stato inevitabile cominciare il presente lavoro affrontando, nel primo capitolo, gli aspetti relativi al Nuovo Accordo di Basilea, prima con una introduzione generale all accordo stesso e poi, in dettaglio, analizzando quali siano i cambiamenti emersi in seguito alla sua applicazione concreta da parte degli istituti bancari. Si Ł analizzato come Ł articolata l istruttoria di fido, quale sia il ruolo, importantissimo, delle garanzie, fino a giungere al collegamento auspicabile tra il grado di rischiosit di un impresa e, quindi la sua classe di rating, e il tasso di finanziamento attivo per la banca. Gi nel primo capitolo che in qualche modo Ł introduttivo al nuovo scenario che si presenta oggi agli operatori, si Ł voluto introdurre la questione delle garanzie assicurative, ma non solo. Si Ł aperto anche il discorso sulle coperture assicurative per le imprese in generale. Entrambi questi punti sono poi stati ripresi in modo assai piø ampio e dettagliato nel secondo capitolo, quello che sicuramente rappresenta il cuore del lavoro e che descrive la situazione attuale del mercato assicurativo per le imprese e le opportunit che queste ultime potrebbero sfruttare. Il secondo capitolo si apre con un introduzione sulla finanza d impresa e sul risk management aziendale, funzione sempre piø necessaria all interno delle imprese e sempre piø presente, specie in quelle di maggiori dimensioni. Il concetto di risk

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giammaria Famiglietti Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1546 click dal 08/04/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.