Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La promozione della relazione nell'ambito lavorativo. Progetto per un intervento formativo.

La tesi è un progetto formativo ideato per le persone che lavorano in campo sociale. Gli obiettivi che i partecipanti al progetto formativo dovrebbero aver raggiunto al termine del percorso sono: avere un adeguata consapevolezza dell’importanza della relazione nell’ambito del lavoro nel sociale, acquisire abilità e competenze per comunicare in modo efficace, acquisire strumenti per poter gestire i conflitti. Il progetto prevede 6 unità formative, tra cui la comunicazione dell'emitente e del ricevente, la gestione dei conflitti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Presentazione della struttura La struttura presso cui ho svolto il tirocinio è un Residence di Emergenza Abitativa gestito da una cooperativa per conto del Comune di Roma. Storicamente, la cooperativa nasce in ambito parrocchiale, sotto il segno dell’aiuto ai più bisognosi e viene in seguito affidata alle persone della parrocchia che si erano appassionate dello spirito in cui è nata. Il Cardinal Ruini, in occasione della nomina a presidente di una di quelle persone volenterose, disse: “Caro Francesco, ti affido una scatola vuota”. Oggi la scatola non è più vuota, la cooperativa è cresciuta ed opera in diversi settori, essendosi organizzata per aree: asili, residenzialità per minori, emergenza sociale, emergenza abitativa, immigrazione e asilo politico, servizi alla persona, formazione, avendo attualmente circa 500 dipendenti. La mission della cooperativa è riassunta nell’affermazione di Paolo di Tarso nella lettera del Santo agli Efesini: “… non siete più né stranieri, né ospiti, ma concittadini e familiari…”. 1.1. Finalità della struttura Il Residence per l’emergenza abitativa ospita nuclei familiari italiani e stranieri in condizioni di disagio abitativo. Durante il periodo di tirocinio, le famiglie presenti erano in maggioranza straniere. Le famiglie in generale provengono sia da situazioni di sfratto, sia da occupazioni abusive. In questo caso specifico provenivano tutte dallo sfratto di un’occupazione abusiva. Il servizio consiste in un assistenza alloggiativa temporanea, in attesa dell’assegnazione della casa popolare. 1.2. Come è organizzata Strutturalmente il Residence è composto da 24 monolocali pre-arredati muniti di servizi; disposti su due piani, dispongono di uno spazio comune al pian terreno: utilizzato come mensa e luogo di socializzazione, nei suoi pressi è posizionato anche l’ufficio di riferimento. Il personale lavorativo svolge il ruolo di operatore sociale e fa capo ad un responsabile della struttura, che a sua volta fa riferimento al coordinatore dell’area emergenza abitativa. Per avere più chiarezza rispetto all’organizzazione della struttura e poterla anche collocare all’interno della cooperativa, presentiamo di seguito il suo organigramma (v. figura alla pagina succ.). La promozione della relazione nell’ambito lavorativo | progetto per un intervento formativo 7 ■

Tesi di Master

Autore: Alina Dohotaru Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 914 click dal 16/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.