Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il segreto professionale: profili penalistici

La figura dell'Assistente Sociale per molti anni ha avuto un posto marginale rispetto ad altre professioni, nonostante la legge n°22/'86 gli avesse riconosciuto il ruolo; soltanto nel 2000 viene finalmente varata la legge n°328, con cui si punta alla creazione di un sistema integrato di servizi, e viene riconoscuto a pieno il ruolo dell'Assistente Sociale; così subito dopo viene emanata nel 2001 la legge n°119 riconoscendo la tutela della figura dell'Assistente Sociale tramite l'obbligo al segreto professionale. Viene così rimosso un limite operativo nell'agire dell'Assistente Sociale che, per il successo dell'intervento, necesssita della fiducia dell'utente.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Durante il corso di studi universitari più volte mi sono imbattuta, sia a livello teorico che pratico, nella tematica del segreto professionale, in quelle occasioni l’argomento era per me una regola astratta di cui non capivo in pieno né il fondamento né l’utilità, né tanto meno l’impatto che aveva sull’utenza. Nel corso dell’ultimo anno di lezioni si è approfondita la tematica in seguito al varo della legge n °119/01, da qui l’interesse ad ulteriori approfondimenti. La nostra è una società in continua evoluzione, che pone i suoi componenti di fronte a interrogativi e problematiche sempre nuove, e che ha dato un rilievo sempre maggiore all’uomo, ai meccanismi relazionali, questo è all’origine della nascita, evoluzione ed affermazione delle professioni sociali che pongono l’uomo al centro del proprio interesse e studio. L’ avvenire di tali professioni è florido, ma qui giova mettere in rilievo principalmente il ruolo dell’Assistente Sociale nella società contemporanea. La professione, in un recente passato, era poco stimata dalle altre del settore nonché , per certi versi, dalle istituzioni, le sue competenze erano spesse volte affidate ad altre figure professionali che, per quanto

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lidia Lo Buglio Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1961 click dal 21/02/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.