Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione del brand nell'era del Web 2.0

Da qualche anno stiamo assistendo ad un fenomeno nuovo che ha coinvolto il Web: le persone, dopo aver vissuto per diversi anni la Rete essenzialmente per scambiarsi informazioni, consultare notizie giornalistiche, messaggi commerciali e contenuti d’intrattenimento allo stesso modo di come avviene per i media tradizionali, finalmente si sono accorte dell’enorme potenzialità del Web e hanno iniziato a vivere Internet come un ambiente, dove possono partecipare attivamente e interagire tra loro. Si è delineato in Rete un nuovo modello basato sull’apporto dell’intelligenza collettiva e la partecipazione degli utenti, che supera quello tradizionale fondato sulla sola fruizione dei contenuti. Il Web oggi vive una nuova fase a cui è stato dato il nome di Web 2.0.
Come afferma Tim O’Reilly (2005), padre di tale concetto, il Web 2.0 non è una tecnologia, bensì un’attitudine. Un’attitudine che porta al centro le persone e la riscoperta del valore della relazione sociale. L’evoluzione della Rete rappresenta una rivoluzione culturale che propone un nuovo modo di comunicare, socializzare e creare che abilita la creatività, la condivisione di informazioni e soprattutto la collaborazione fra utenti.
I social media, strumenti di comunicazione interpersonale tipici del Web 2.0, come i blog, i social network, le community, le wiki, hanno trasformato le persone da spettatrici a protagoniste attive dei contenuti e delle relazioni, trasformando il web in una “piattaforma conversazionale” (Cova, Giordano, Pallera, 2008).
Si è passati da una società in cui i principali mezzi di comunicazione erano quelli di massa, unidirezionali, a una società in cui lo scambio di informazioni avviene tra utenti, many to many, grazie alle logiche del Web partecipativo; da un era in cui il brand era il protagonista, a un era in cui il singolo soggetto è il protagonista e il cliente assume una posizione di potere rispetto alla marca, grazie alle possibilità di ri-codificare il senso dei messaggi a lui direzionati e di produrre messaggi egli stesso.
Questo nuovo contesto inevitabilmente mette in discussione il modo di comunicare delle aziende e del brand che oggi devono assumere come focus principale la gestione di conversazioni e comunità per la creazione di esperienze positive online (Boaretto, Noci, Pini, 2007) che mirano a coinvolgere i consumatori.
A partire da questa consapevolezza e dalla voglia di capire che cosa sta accadendo oggi nel Web 2.0 e come si stanno muovendo le aziende italiane in questa direzione, nasce questa tesi, che si propone di fornire un quadro rappresentativo del fenomeno in atto dal punto di vista tecnologico e sociale e di analizzare le implicazioni che esso ha portato nel rapporto tra imprese e consumatori e nelle strategie di comunicazione di marketing, attraverso anche la presentazione di casi concreti e recenti.
Per la realizzazione di questa tesi ho scelto di utilizzare fonti molteplici e diversificate: ai testi appartenenti alla più recente letteratura sui temi del Web 2.0, del branding e della comunicazione di marketing, ho affiancato la lettura di articoli di testate giornalistiche (con particolare riferimento ai new media e alla comunicazione di marketing), la consultazione costante di numerosi blog di professionisti ed esperti del settore nonchè interviste in profondità a testimoni qualificati.
È stata inoltre fondamentale l’osservazione costante e la partecipazione diretta a diversi social network e brand community che mi hanno permesso di comprendere direttamente in che modo le aziende si stanno muovendo in questo nuovo contesto e come stanno sfruttando le opportunità offerte dal Web 2.0 per avviare un dialogo con le persone, coinvolgerle e instaurare con esse una relazione. Ciò mi ha consentito di catturare e seguire da vicino alcune innovative e recenti case history da me individuate in Rete.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Da qualche anno stiamo assistendo ad un fenomeno nuovo che ha coinvolto il Web: le persone, dopo aver vissuto per diversi anni la Rete essenzialmente per scambiarsi informazioni, consultare notizie giornalistiche, messaggi commerciali e contenuti d’intrattenimento allo stesso modo di come avviene per i media tradizionali, finalmente si sono accorte dell’enorme potenzialità del Web e hanno iniziato a vivere Internet come un ambiente, dove possono partecipare attivamente e interagire tra loro. Si è delineato in Rete un nuovo modello basato sull’apporto dell’intelligenza collettiva e la partecipazione degli utenti, che supera quello tradizionale fondato sulla sola fruizione dei contenuti. Il Web oggi vive una nuova fase a cui è stato dato il nome di Web 2.0. Come afferma Tim O’Reilly (2005), padre di tale concetto, il Web 2.0 non è una tecnologia, bensì un’attitudine. Un’attitudine che porta al centro le persone e la riscoperta del valore della relazione sociale. L’evoluzione della Rete rappresenta una rivoluzione culturale che propone un nuovo modo di comunicare, socializzare e creare che abilita la creatività, la condivisione di informazioni e soprattutto la collaborazione fra utenti. I social media, strumenti di comunicazione interpersonale tipici del Web 2.0, come i blog, i social network, le community, le wiki, hanno trasformato le persone da spettatrici a protagoniste attive dei contenuti e delle relazioni, trasformando il web in una “piattaforma conversazionale” (Cova, Giordano, Pallera, 2008). Si è passati da una società in cui i principali mezzi di comunicazione erano quelli di massa, unidirezionali, a una società in cui lo scambio di informazioni avviene tra utenti, many to many, grazie alle logiche del Web partecipativo; da un era in cui il brand era il protagonista, a un era in cui il

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Dalila Piccoli Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12047 click dal 16/04/2010.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.