Skip to content

Gender diversity e performance aziendali

Informazioni tesi

  Autore: Angelica Ballatore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Ombretta Pettinato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

In questa tesi viene affrontato il tema della Gender Diversity applicato al caso italiano nello specifico. Sulla base dei principali studi condotti a livello internazionale e che attestano una tendenziale correlazione positiva tra gender diversity e performance aziendali, il presente lavoro nasce con l’obiettivo di analizzare nel contesto italiano qual’è la relazione esistente tra donne in azienda e performance. Nei primi capitoli il lavoro si concentra sul fornire uno sguardo prima globale e poi europeo della gender diversity; successivamente lo studio si focalizza sull’Italia con analisi descrittive, per quartili e regressioni lineari, allo scopo di ottenere dei risultati il più possibile significativi. In seguito a queste analisi accurate, ciò a cui si giunge è che, mentre nel contesto internazionale questo tipo di analisi ha portato a dei risultati significativi in termini statistici, in Italia tale significatività non è possibile riscontrarla poiché non esiste un’evidente relazione di causa-effetto. Non basta la presenza di una risorsa, per quanto alto possa essere il suo potenziale, per creare valore. La considerazione principale è quella di riconoscere che la presenza di donne nei ruoli decisionali all’interno della società è condizione necessaria ma non sufficiente per la creazione di valore. Senza una reale e concreta apertura dell’Italia alla “gender diversity”, la partecipazione femminile non riesce ad incidere sulle performance aziendali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Introduzione Nell’ottica di massimizzare la ricchezza degli azionisti, è necessario per le aziende accrescere l’utilizzo degli asset. Un notevole impedimento nel raggiungimento di questo obiettivo, risulta essere lo stato di utilizzo della “Gender Diversity” nel management. Gli uomini continuano ad occupare la maggioranza delle posizioni di top management sebbene le donne costituiscano il 46,5% della forza-lavoro e il 51,8% della popolazione. Numerose sono le ragioni sul perché la Gender Diversity possa portare le aziende ad una performance superiore. Primo, gli studi sulla struttura e sulle funzioni dei cda forniscono delle intuizioni e delle prospettive legate al tema del Diversity Management. Fama e Jensen (1983) suggeriscono che una delle principali funzioni di un cda è quella di risolvere i problemi d’agenzia tra manager e azionisti attraverso il monitoraggio dei manager. L’indipendenza del cda deve, quindi, essere una condizione necessaria per il buon funzionamento, determinando in tal modo una maggiore ricchezza per gli azionisti. Carter (2003) afferma che la diversity può incrementare l’indipendenza del cda perché i direttori che sono “diversi” per fattori sessuali, culturali, etnici, sono più propensi ad interrogare rispetto ai direttori con un background “tradizionale”. In un articolo recente, Adams e Ferreira (2007) dimostrano che la gender diversity nei cda è strettamente legata alle performance aziendali, misurate in termini di Tobin’s Q e ROA e che la relazione dipende dalla struttura di governance. Secondo, gli studi sull’efficienza di una cultura organizzativa suggeriscono che ambienti organizzativi aperti e flessibili possono contribuire a una superiore redditività aziendale (Rose e Kumar 2006). La cultura d’azienda determina l’abilità dell’organizzazione di far fronte ai cambiamenti nel mondo economico. Ciò può essere dovuto al fatto che culture più aperte e flessibili si dotano di personale che ama il proprio ambiente lavorativo e trova la motivazione dentro se stesso, senza il bisogno di controlli ulteriori dall’alto. Un altro gruppo di studio ha mostrato che le aziende con culture forti accrescono il coordinamento del personale e,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
gender diversity
performance aziendali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi