Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Varietà dialettali tra Piave e Livenza. Il liventino: profilo linguistico e confini.

Description of the dialect liventino.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione 1.1 Definizione di liventino A. Zamboni (1974) ha diviso il continuum dialettale della regione Veneto in cinque grandi aree corrispondenti ai seguenti dialetti, a loro volta divisi in sottovarietà: (Zamboni 1974, p. 9): 1. dialetto veneziano ‘lagunare’ con le varietà chioggiotta, pellestrinotta, buranella, caorlotta e di terraferma; 2. dialetto padovano-vicentino-polesano, o veneto ‘centrale’; 3. dialetto veronese o veneto ‘occidentale’; 4. dialetto trevigiano-feltrino-bellunese, con le varietà ‘liventina’ e agordino- zoldana; 5. dialetti ladini del Veneto, comelicano, cadorino, livinallese. Nell’ambito del dialetto trevigiano-feltrino-bellunese si colloca dunque la varietà del liventino, nome con cui Zamboni indica “i dialetti posti tra Conegliano, il Piave, la Livenza (e oltre questa sino ai confini friulani) e il mare” (Zamboni 1974, p. 62). Le province coinvolte sono quindi quelle di Treviso, Venezia e Pordenone. Già sulla base di questa approssimata demarcazione geografica si può constatare che si tratta di una zona dotata di caratteristiche linguistiche proprie, ma che per definizione è anche sottoposta in vario modo a influssi e interferenze delle parlate adiacenti; come suggerisce il termine con cui è designato, il liventino interessa particolarmente il bacino del fiume Livenza in entrambe le sponde, fiume che per un lungo tratto segue il limite amministrativo fra Veneto e Friuli, e che in passato costituiva anche un confine linguistico, in quanto le comunicazioni tra sponde opposte non erano facilitate dalla presenza di ponti e strade ben praticabili. Si tratta insomma di una zona di confine, localizzata nella pianura tra Piave e Livenza, i cui dialetti risentono o hanno risentito in vario modo della prossimità con le parlate conservative delle vicine Prealpi, ma anche con le parlate innovatrici di tipo veneziano-trevigiano, e con quelle del pordenonese di 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere

Autore: Licia Barbarotto Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1765 click dal 22/04/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.