Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Corte Speciale di Giustizia in Mantova: il reato di alto tradimento nel Regno Lombardo-Veneto (1854-1857)

Il tribunale speciale sui reati di alto tradimento, istituito a Mantova nel 1854 e competente per tutto il regno Lombardo-Veneto, è una sorta di prosecuzione del più famigerato tribunale che processò i martiri di Belfiore agli inizi degli anni Cinquanta dell'Ottocento: diretto e controllato dal feldmaresciallo Radetzky e da giudici a lui fedeli, rappresenta uno specchio e un termometro della situazione politica nel nord Italia alle soglie del processo risorgimentale di unificazione del paese.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La storia della giustizia austriaca nel Regno Lombardo-Veneto ` e un campo di studi soltanto recentemente riscoperto e pertanto ancora ricco di possibilit` a di ricerca e di spunti interessanti. La scarsa attenzione prestata, almeno fino a qualche anno fa, a questo argomento ` e la causa di un certo “vuoto bibli- ografico” che rende ogni ricerca archivistica una fonte preziosa di informazioni e chiarimenti circa il complesso funzionamento dell’apparato giudiziario austriaco neglianni1815-1859: loscopodiquestarelazione` eappuntoquelladifornire,at- traversol’analisidell’attivit` adiuntribunaleaustriaco“specializzato”inreatidi alto tradimento, nuovi dati utili all’ampliamento delle conoscenze circa l’appa- rato giudiziario e penale austriaco in Italia. Il punto di vista` e molto particolare e limitato (un solo tribunale ed un unico reato, l’alto tradimento), ma ideale per approfondirenonsoltantoilfunzionamentodellagiustiziaaustriaca, maancheil trattamento dei reati contro lo Stato, nonch` e la storia delle istituzioni politiche e giudiziarie e del Risorgimento italiano. La Corte Speciale di Giustizia in Mantova ebbe vita breve, dal momento che entr` o in attivit` a nel giugno del 1854 e venne sciolta gi` a alla fine di gennaio del 1857: questotribunalesiinseriscequindiinuncontestostoricomoltoparticolare e politicamente travagliato, quale quello seguito alla repressione del biennio rivoluzionario 1848-49 e alla dichiarazione dello stato d’assedio e del regime militarenelRegnoLombardo-Veneto; questoperiodohaunagrandeimportanza anche giuridica, perch` e ` e caratterizzato da momenti di transizione politica e crisi sociali ed istituzionali, che mettono a dura prova gli ordinamenti giudiziari austriaci e la loro validit` a. Come si vedr` a meglio in seguito, la sollevazione delle due province italiane (Veneto e Lombardia) contro le autorit` a austriache, sull’onda delle rivoluzioni a sfondo costituzionale che stavano infuocando anche il resto d’Europa, fu seguita in meno di un anno dalla riconquista da parte dell’esercito austriaco e dall’in- staurazione di un duro regime militare, a capo del quale venne posto l’anziano feldmaresciallo Radetzky – nominato per l’occasione governatore generale del Regno Lombardo-Veneto. Durante questo stato d’assedio, che dur` o dal 1848 al 1854 e che vide il potere di Radetzky trasformarsi in una sorta di dittatura personale,isudditiitalianidelRegnoLombardo-Venetofuronosottopostialimi- tazioni di ogni genere, a provvedimenti fiscali molto gravosi, a continui controlli della polizia: la giustizia, esercitata da militari, si occup` o di reprimere dura- mente ogni nuovo tentativo di sollevazione o anche soltanto di protesta politica. Questo trattamento molto rigoroso e repressivo scredit` o la politica austriaca all’estero, scaten` o le opinioni pubbliche europee e contribu` ı a dare nuova linfa alla propaganda politica di stampo patriottico e nazionalistico, alimentata dai numerosi profughi che varcavano il confine con il Piemonte e la Svizzera e con- tribuivano a creare consensi attorno alla politica piemontese e mazziniana. Nel 1854, il governo austriaco decise cos` ı la cessazione dello stato d’assedio e la riduzione delle prerogative politiche di Radetzky: da quel momento, i reati di alto tradimento vennero affidati non pi` u ai tribunali di guerra, ma ad un’unica commissione – la Corte Speciale – composta da inquirenti civili e militari, che li giudic` o in base ai codici penali austriaci e non sulla scorta di provvedimenti militari. L’attivit` adiquestaCorteSpecialediGiustizia,situataaMantova,` el’oggetto della presente ricerca: si tratta di un campo in gran parte inesplorato, dal mo-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eleonora Zanasi Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 151 click dal 11/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.