Skip to content

La produzione di idrogeno per via nucleare: proposta di un possibile scenario energetico per il settore dei trasporti

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Marotta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: nucleare
  Relatore: Nicola Cerullo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

This graduate thesis has been divided into two parts: the first one aims to introduce the topics discussed, the second one is aimed at finding a possible solution to the problems arising from the arguments analyzed.
In the first part, divided into four chapters, a general overview is made about the state of energy sources and consumption worldwide, the state of the transport sector, hydrogen and its production methods and high temperature nuclear reactors.
To create an energy and environmental sustainability of the transport sector, it is the goal of this analysis. We tried to propose a solution that would meet the needs of that sustainability, creating a scenario for hydrogen production by nuclear power to be applied to the transport sector.
In the second part, comprising four chapters too, this solution has been studied, first by introducing methods and tools used to develop it, then the assumptions made and finally analyzing the results obtained from the study and conclusions about it.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione II PREFAZIONE Il presente lavoro di tesi ha come obiettivo l’individuazione e l’analisi di un possibile scenario energetico per il settore dei trasporti che sia alternativo all’attuale basato principalmente sull’utilizzo di gasolio e benzina in motori a combustione interna. L’idea di studiare una possibile sostituzione dei combustibili fossili nasce a seguito di un dettagliato esame delle proiezioni future relative ai consumi energetici per il settore dei trasporti fino al 2050, dati forniti dalla IEA (ETP, 2008), delle valutazioni di impatto ambientale fornite dall’IPCC (SRES 2000 e 2007) e sulle stime di riserve fossili messe in evidenza dal report della British Petroleum (BP Statistical Review of World Energy, 2009). Fra le possibili alternative, l’attenzione è stata diretta all’utilizzo di idrogeno per il trasporto terrestre su gomma, e alla fonte nucleare per la sua produzione. Infatti, l’energia nucleare sembra essere al momento l’unica fonte disponibile su scala industriale che possieda i requisiti necessari ai processi termochimici di produzione di idrogeno senza emissioni di gas termo-alteranti. Il processo termochimico di riferimento analizzato è stato il cosiddetto Iodio-Zolfo, proposto dalla General Atomics ed analizzato in numerosi progetti a livello internazionale (fra gli altri i progetti RAPHAEL e HYTHEC). Per fornire il calore necessario al processo I-S, l’utilizzo di reattori ad alta temperatura refrigerati a gas è una scelta sostanzialmente obbligata. Infatti, il gas He, in uscita dal reattore ha temperature tali (900÷950 °C) da permettere la catalizzazione delle reazioni chimiche considerate. Come ogni nuova tecnologia nucleare, un’analisi del ciclo del combustibile può supportarne l’applicabilità, indicando i possibili vantaggi e svantaggi in termini di risorse, facility richieste e rifiuti prodotti. Per questo motivo, un’analisi (in termini globali) del ciclo del combustibile per i reattori HTR è stata svolta anche nel presente lavoro di tesi. In particolare, sulla base anche di studi pregressi in ambito Europeo, la scelta fatta è stata lo studio del ciclo simbiotico LWR-HTR. Infatti l’accoppiamento di un reattore ad acqua leggera (impianto upper) con un reattore a gas (impianto bottomer) permette di ottimizzare il ciclo trattando contemporaneamente produzione elettrica e produzione termica in maniera “realistica” (cioè congruente con la situazione esistente). La produzione termica del reattore HTR, come risultato finale, è stata poi considerata come input per i processi industriali, come l’I-S. Sulla base di quanto sopra indicato, lo scenario studiato nel dettaglio nel presente lavoro di tesi consiste in un ciclo simbiotico EPR-PBMR. Per contestualizzare il lavoro si è scelto l’EPR (European Pressurized Reactor) come esempio di reattore ad acqua (LWR) perché attualmente è in costruzione in Europa e il Pebble Bed Modular Reactor (PBMR) perché è relativamente prossima la sua costruzione in Sud-Africa. Entrambi i reattori sono stati caratterizzati (combustibile in ingresso ed in uscita, potenza termica, fattori di carico, etc.) e studiati attraverso il codice di fuel cycle Nuclear Fuel Cycle Simulation System (NFCSS) rilasciato dalla IAEA. Il presente lavoro di tesi è stato suddiviso in due parti principali. Una prima parte (composta dai primi quattro capitoli) si riferisce ad una panoramica generale circa lo stato delle fonti energetiche e dei consumi a livello mondiale, lo stato del settore dei trasporti (con particolare attenzione ai trasporti su gomma), l’idrogeno ed i suoi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cicli simbiotici
consumi
effetto serra
fuel cycle
idrogeno
iodio zolfo
nfcss
nuclear fuel cycle simulation
nucleare
previsione consumi
processo i-s
reattori a gas ad alta temperatura
scenario
trasporti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi