Skip to content

L'irto cammino della Bicamerale

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Lattarulo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giuseppe Cotturri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 526

Il ventennale dibattito sulla necessità di riforme prima istituzionali e poi costituzionali nel nostro Paese aveva trovato un serio sbocco nella formazione della terza commissione bicamerale, presieduta dall'on. Massimo D'Alema.
Frutto di una ampia convergenza tra le forze politiche presenti in Parlamento, la sua fortuna sembrava potere essere maggiore di quella della Commissione Bozzi e della più recente Commissione De Mita-Iotti, nonché di appositi comitati di studio come quello c.d.''Speroni'', costituito nel 1994 dal Governo Berlusconi.
L'esito è poi stato deludente, nel senso di rivelarsi infruttuoso, perché contrasti su delicati temi come quello inerente la ridefinizione della collocazione della Magistratura hanno condotto alla rottura che si è definitivamente consumata nel giugno-luglio 1998, quando il progetto elaborato in seconda lettura dalla Commissione era arrivato all'esame delle aule parlamentari.
In verità, al di là dei contrasti che hanno trovato più ampia risonanza nel dibattito mass-mediologico, al fondo dell'interruzione di quella che ad un certo punto era sembrata la ''volta buona'', vi sono state divergenze circa la lettura della crisi politica che attanaglia il nostro paese. In un certo senso, si potrebbe affermare che già di per sè l'interpretazione sposata da molti protagonisti della scena politica - quella secondo cui il mettere mano alla Carta fondamentale possa servire a rimettere l'Italia sui binari della post-modernità - appare un 'ambizione che poco è attenta alla profondità dei fenomeni che stanno caratterizzando questo cambio d'epoca, come la ben nota globalizzazione e i suoi portati in termini di ristrutturazione economica e le ricadute sulle forme associative tradizionali come quelle partitiche e sindacali.
Ma, anche volendo rimanere rinchiusi nel recinto di un'analisi costruita intorno a tratti ingegneristici, non può non sottolinearsi un difetto d'origine, un peccato che si è riverberato sulla qualità dei lavori: l'aver limitato la revisione della Costituzione alla sola seconda parte della stessa, quasi che il mettere mano alla forma di governo, il propendere per un assetto federale de paese non si riverberasse anche sui principi supremi del patto antifascista siglato nel biennio 1946-'47. Va allora affrontato con nettezza il nodo di un ripensamento (oppure no) dei valori allora messi per iscritto dai costituenti; se non che tale dibattito è inficiato alla radice da preconcette chiusure da un lato e da violenti e poco fedeli sotto un rispetto storiografico attacchi al valore della Resistenza antifascista, all'interno di un revisionismo che non ha presentato solamente tratti grossolani volti a rivalutare l'eredità che il ventennio ha lasciato al paese, ma anche indirizzati, sulla scia emotiva dei proclami secessionisti di Bossi, a ridiscutere il collante nazionale, invadendo, al meglio, il campo della ''patria'' e, al peggio, affrescando artatamente la penisola come il vestito d'Arlecchino, ossia come una realtà dalle irrisarcibili distanze tra Settentrione e Meridione, cui cinquant'anni di storia repubblicana non hanno posto il minimo rimedio. Ovviamente i fatti non sono questi: e proprio su tale piano deve subentrare la curiosità del lettore, che, come accennavo in precedenza, non deve dimenticare che sul tema delle riforme, la cui inattuazione lascia l'Italia ancora nel limbo della TRANSIZIONE, si è giocato uno scontro culturale profondo, che, lungi dal dividere nitidamente i poli, ha caratteristiche trasversali, che, forse, aiutano un poco a comprendere anche la natura della ardua ricomposizione di schieramenti stabili, privi di tentazioni trasformistiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Il 22 gennaio del 1997 la Camera dei Deputati, con 534 voti a favore e 70 contrari 1 , ha dato il definitivo via libera alla legge costituzionale per la «Istituzione di una Commissione parlamentare per le riforme costituzionali» 2 , oramai conosciuta più sinteticamente come “Bicamerale”. Tale decisione ha rappresentato un punto di svolta nel lungo processo costituente 3 in atto nel nostro Paese da più vent’anni. Siffatta discussione in realtà è stata sempre viva in Italia, poiché indirettamente partorita dal congelamento 4 della nostra carta fondamentale che, già nel 1953 (legge truffa) è stata sottoposta ad attacchi subdoli e continui, che una parte della popolazione ha vivacemente e con successo contrastato, continuando, allo stesso tempo, la lunga battaglia per il rispetto di tutte quelle disposizioni arbitrariamente inosservate, grazie anche alla compiacenza delle Alte Magistrature, che avevano escogitato la distinzione tra norme precettive (divise in precettive di applicazione immediata e precettive di applicazione differita) e norme programmatiche. Giunsero poi gli anni del disgelo costituzionale 5 , che hanno rappresentato il momento forse più alto di avvicinamento dei cittadini alla Costituzione, anche perché contrassegnati dalla creazione delle Regioni e dall’introduzione del referendum abrogativo. Subito dopo quegli entusiasmi, proprio mentre il compromesso storico tra le due grandi forze della penisola, DC e PCI, avrebbe costituito, secondo Moro, un momento di svolta nella nostra storia, perché avrebbe creato le premesse per un’alternanza al governo che l’Italia del dopoguerra ignorava persino potesse esistere, l’assassinio dello statista pugliese 6 - ennesimo episodio luttuoso degli anni di piombo e della strategia della tensione - rappresentò il momento di virata a destra della DC, ma, soprattutto, il pretesto per un accantonamento di ogni disegno di apertura democratica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

federalismo
magistratura
parlamento
presidente del consiglio
presidente della repubblica
presidenzialismo
gianfranco fini
riforme costituzionali
francesco speroni
lega nord
terza commissione bicamerale
riforma della costituzione
silvio berlusconi
massimo d'alema

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi