Skip to content

L'elaborazione delle politiche energetiche in Italia dal dopoguerra alla fine degli anni Ottanta

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Luigi Stissi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Claudio Pavese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

Nella prima parte la tesi delinea lo sviluppo industriale e dei consumi energetici dal periodo del "big spurt" italiano al momento del primo shock petrolifero.
Il fattore energetico fin dalle prime fasi del processo d'industrializzazione si configurò per l'Italia come un "vincolo" allo sviluppo economico. La mancanza di carbone e petrolio sul proprio territorio costrinse l'Italia a seguire un processo di industrializzazione diverso da quello dei primi paesi industrializzati, specializzandosi in settori e tecnologie ad alta intensità di lavoro e meno dispendiosi dal punto di vista energetico.
La soluzione innovativa rispetto al periodo precedente al problema dell'approvvigionamento fu uno dei fattori che consentì la grande crescita del "miracolo economico". Questa soluzione fu realizzata grazie alla straordinaria attività degli enti energetici pubblici (Agip ed Eni) che operavano nel settore degli idrocarburi.
Il tentativo di raggiungere l'indipendenza energetica attraverso l'istituzione degli enti pubblici energetici (Eni, Cnen ed Enel) non ebbe però successo. La crisi petrolifera colse l'Italia nel momento della massima compenetrazione dell'energia nell'economia e di estrema dipendenza dalle importazioni di petrolio.
Nella seconda parte della tesi vengono analizzate le risposte che i governi cercarono di dare alle due crisi petrolifere (1973 e 1979) e che si concretizzarono nell'elaborazione delle indagini conoscitive sulle fonti d'energia (1974-1976), nel piano petrolifero e nei piani energetici nazionali (1975, 1977, 1981, 1985). In questa fase, l'attenzione della ricerca è stata posta sul dibattito parlamentare tenutosi intorno all'approvazione di questi documenti. Sono state messe in evidenza le posizioni dei partiti sulle strategie da perseguire e le modifiche apportate per ragioni politiche ed economiche ai piani.
Nell'ultima parte, si è tentato di analizzare le cause del fallimento della politica nucleare italiana, il cui sviluppo avrebbe dovuto costituire la risposta allo storico vincolo energetico del nostro paese. Il primo ordine di ragioni della mancata realizzazione degli intendimenti espressi nei documenti programmatici è da individuare nel particolare clima d'instabilità politica che attraversava l'Italia a metà degli anni Settanta. Il secondo ordine di ragioni è l'opposzione che si levò a livello di enti locali contro la localizzazione delle centrali nucleari. Fino al 1986 infatti in Parlamento il consenso sulla politica nucleare fu massimo. Solo dopo l'incidente di Chernobyl la posizione dei partiti mutò decisamente fino a portare l'Italia fuori da questa tecnologia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 1 CAPITOLO 1 LA POLITICA ENERGETICA ITALIANA DAL DOPOGUERRA AL 1973 1.1 LO SVILUPPO DEI CONSUMI DAL DOPOGUERRA AL 1973 1.1.1 Dall�industrializzazione al 1953: il delinearsi dei caratteri generali del consumo energetico italiano L�energia ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo economico moderno. Per indicare la stretta correlazione tra lo sfruttamento di una nuova fonte energetica e il mutamento tecnologico, scientifico e produttivo che ne deriva � stato utilizzato il concetto di �paradigma energetico�1 . La sfruttamento del carbone individua la Prima rivoluzione industriale e quello del petrolio la seconda2. 1 Cfr. C. PAVESE, Energia e risorse, in P.A. TONINELLI (a cura di), Lo sviluppo economico moderno. Dalla rivoluzione industriale alla crisi energetica (1750-1973), Venezia, 1997. 2 Lo sfruttamento dell�energia termica prodotta dalla combustione del carbone fu resa possibile da alcune scoperte tecnologiche. Thomas Savery, nel 1698, brevett� una macchina (l�amico del minatore�) per eliminare l�acqua dalle miniere. Thomas Newcomen nel 1705 e James Watt fra il 1769 e il 1775 apportarono modifiche a tale macchina rendendola pi� efficiente. Con queste innovazioni ebbe inizio il processo di meccanizzazione dei trasporti e del settore tessile. La penetrazione dell�uso del petrolio fu ostacolato dalla predominanza del �paradigma del carbone�. Il suo utilizzo pot� avvenire solo in ambiti del tutto nuovi. Nel settore meccanico venne introdotto un nuovo tipo di convertitore: il motore a scoppio. Nella chimica notevoli sviluppi si ebbero a inizio secolo nella produzione di materie plastiche, detergenti, gomme, fertilizzanti e pesticidi Cfr. C. PAVESE, Energia e risorse, op. cit., pp. 117-120. id1156203 pdfMachine by Broadgun Software - a great PDF writer! - a great PDF creator! - http://www.pdfmachine.com http://www.broadgun.com

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agip
chernobyl
cnen
crisi petrolifera
dibattito parlamentare
discorsi programmatici
enea
enel
eni
guerra yom kippur
legislazione ambientale
mattei
montalto di castro
movimento antinucleare
nazionalizzazione settore elettrico
partiti politici
piano energetico nazionale
piano petrolifero
prezzo petrolio
programmazione economica
referendum nucleare
sette sorelle
politica energetica
storia energia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi