Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un caso di innovazione finanziaria: Reverse Mortgage

L’innovazione finanziaria è uno dei fenomeni maggiormente interessanti da analizzare all’interno del perimetro dei mercati finanziari; ciò ancor di più se essa riguarda il mercato della Consumer Finance, dove le innovazioni di prodotto sono rare. Il Prestito Vitalizio Ipotecario (altresì Reverse Mortgage) risulta essere un argomento interessante sul quale soffermarsi, senza dubbio in quanto rappresenta un esempio paradigmatico d’innovazione finanziaria, ma ancor più poiché esso è uno strumento finanziario pensato per soddisfare i bisogni di un particolare target audience, costituito da persone rientranti nella fascia d’età over 60. Inoltre, questo strumento permette di convertire ricchezza accumulata attraverso asset in liquidità, il che lo rende unico nel panorama dei prodotti di Consumer Finance.
Il presente scritto è stato sviluppato con una finalità conoscitiva. Esso si articola in due sezioni: nella prima si presenta una selezione dei contributi forniti alla letteratura da accademici ed esperti in materia e si descrivono le caratteristiche essenziali del contratto di Reverse Mortgage, con lo scopo di presentare lo strumento e spiegarne il funzionamento; nella seconda sezione vengono analizzati i diversi mercati in cui lo strumento è disponibile, con un focus prima sul mercato statunitense e poi su quello italiano. In quest’ultimo mercato si riscontra un enorme potenziale di crescita che si accompagna ad uno scarso grado di penetrazione. Nella parte conclusiva vengono evidenziate le cause di questa situazione paradossale e le azioni astrattamente idonee a porvi rimedio.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. Introduzione L‟elaborato ha il fine descrivere le caratteristiche essenziali del Reverse Mortgage, ovvero Equity Release, ovvero Prestito Vitalizio Ipotecario. La prima parte del lavoro s‟incentrerà su una ricerca conoscitiva dello strumento e su un‟analisi dei mercati in cui lo strumento è diffuso. Successivamente si passerà ad analizzare approfonditamente il mercato statunitense (Benchmark dell‟analisi) e quello italiano in termini di domanda e d‟offerta; contestualmente si approfondiranno i possibili effetti benefici dello strumento per la clientela di riferimento. Infine, basandosi sull‟esperienza degli altri paesi, in particolare gli Stati Uniti, s‟identificheranno le azioni più idonee per stimolare il mercato del Prestito Vitalizio Ipotecario italiano, che vive la forte contraddizione di essere il mercato con più potenzialità in Europa ma al contempo il meno sviluppato. Nella conclusioni si porrà l‟accento sulle ragioni di questo paradosso e verranno indicate azioni utili a far sviluppare il mercato italiano. 1.1. Il sistema finanziario Il sistema finanziario è l‟insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari. Rappresenta la struttura attraverso cui, in un‟economia moderna, si svolge l‟attività finanziaria , cioè la produzione e l‟offerta di servizi finanziari (Mottura, Forestieri, 2000). Il principale ruolo del sistema finanziario è quello di facilitare l‟allocazione delle risorse e lo sviluppo delle stesse nello spazio e nel tempo in un ambiente incerto (Merton, 1992 e Bodie, 1995). Cercando di riconciliare i diversi punti di vista in letteratura, Levine identifica cinque funzioni basilari del sistema finanziario: 1. agevolazione del Trading Hedging attraverso la diversificazione del rischio e il Risk Pooling 2. allocazione di risorse 3. monitoraggio dei manager e delle aziende stesse 4. investimento del risparmio 5. agevolazione dello scambio di beni e servizi L‟azione del sistema finanziario produce una riduzione dei costi reali (costo di lavoro, materie prime e capitali) e implica l‟utilizzo d‟intermediari finanziari (banche commerciali) o mediatori (mediatori creditizi o assicurativi); il compito dei mediatori è di ovviare alle imperfezioni del mercato, che si sostanziano nei costi derivanti da asimmetrie informative e nei costi di transazione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Simone Maria Turri Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1452 click dal 14/05/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.