Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cineturismo: le trasformazioni del territorio da location a destinazione turistica

Il cineturismo in Italia si configura come un fenomeno piuttosto recente, e nelle politiche del territorio di alcune regioni è una tematica che è tenuta ancora in secondo piano, nonostante il suo potenziale di crescita.
Nel nostro paese si avverte la mancanza di un ente che si ponga come tramite tra produzioni cinematografiche e territorio, che controlli la loro attività per evitare esternalità negative e che coordini la promozione turistica dei territori a livello nazionale.
Per quanto riguarda il discorso della promozione turistica, vi sono esempi internazionali che dimostrano quanto sia efficace avere un ente turistico nazionale che si ponga come promotore e regolatore dei rapporti tra produzioni e territorio.
In Italia sarebbe auspicabile raggiungere questo risultato in quanto le potenzialità del cineturismo non sono ancora state del tutto sfruttate.
Il fatto che nella campagna promozionale del film “Il codice Da Vinci” l'Italia non sia stata coinvolta è dimostra come in Italia ci sia una situazione di inesperienza in merito alla promozione integrata del territorio.
Anche nel caso di Matera, il successo della località è avvenuto di riflesso al successo del film, non certo in seguito ad iniziative promozionali da parte degli amministratori locali, anzi la promozione è stata affidata all'iniziativa dei privati.
I casi positivi in questo ambito riguardano solo poche regioni come la Campania e l'Emilia Romagna che da qualche anno promuovono il loro territorio anche attraverso il cinema.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Un film è sempre un viaggio che ci conduce per mano in un universo fatto di luoghi, avvenimenti, emozioni e sollecitazioni”. La presente tesi di laurea intende approfondire alcuni aspetti del fenomeno del cineturismo, in particolar modo gli effetti che si ripercuotono su di un territorio dopo essere stato set di un film. La motivazione che mi ha portata ad affrontare questa tematica è stata sicuramente la mia passione per il mondo del cinema unita con l‟altra mia passione ed il mio percorso di studi, il turismo. Lo studio del cineturismo è un fenomeno relativamente recente, almeno per quanto riguarda l‟Italia. Il presente lavoro è stato svolto soprattutto con il sussidio di articoli e testi in lingua inglese, in mancanza di un‟adeguata letteratura italiana sul tema. Attualmente sono state effettuate solo poche ricerche in merito a questo fenomeno ed alcune sono reperibili solo dietro corrispettivo. In questa sede non si intende biasimare alcuna decisione, si intende solo rendere chiaro il fatto che l‟Italia essendo già un passo indietro in questo ambito di ricerca, non offre neppure strumenti gratuiti a disposizione di studenti che vogliano svolgere lavori sul tema. Nella prima parte verrà analizzato il concetto di immagine della destinazione: partendo da alcune definizioni del termine, si analizzeranno le diverse teorie sviluppate da ricercatori nell‟ambito del processo di formazione dell‟immagine nella mente dello spettatore. Successivamente si comprenderà come questa immagine possa costituire una sorta di anticipazione del viaggio e come lo spettatore si possa immedesimare nel

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Claudia Bovolenta Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8388 click dal 30/04/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.