Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dominazione spagnola in Sicilia: eredità linguistiche

La cultura siciliana risente notevolmente dell’influenza iberica che ha pervaso tutti gli ambiti della vita dell’isola, a partire dagli anni in cui quest’ultima fu inglobata dalla Spagna all’interno dei suoi possedimenti.
La storia siciliana non può essere esaminata in maniera profonda e, quindi, essere compresa completamente se si prescinde dall’analisi del periodo spagnolo, in cui le due popolazioni sono potute entrare in contatto e sviluppare relazioni intime e durature.
Anche il dialetto siciliano risente inequivocabilmente della presenza spagnola. Questo è attestato dalla forte presenza di ispanismi a livello semantico, nonostante la parlata dell’isola si fosse già formata sulla base delle numerose dominazioni che ne avevano caratterizzato il passato.
Questa tesi è stata strutturata in tre parti per dare un quadro, rispettivamente, del periodo storico di riferimento, del contesto linguistico e delle varianti presenti sull’isola.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La cultura siciliana risente notevolmente dell‟influenza iberica che ha pervaso tutti gli ambiti della vita dell‟isola, a partire dagli anni in cui quest‟ultima fu inglobata dalla Spagna all‟interno dei suoi possedimenti. La storia siciliana non può essere esaminata in maniera profonda e, quindi, essere compresa completamente se si prescinde dall‟analisi del periodo spagnolo, in cui le due popolazioni sono potute entrare in contatto e sviluppare relazioni intime e durature. Anche il dialetto siciliano risente inequivocabilmente della presenza spagnola. Questo è attestato dalla forte presenza di ispanismi a livello semantico, nonostante la parlata dell‟isola si fosse già formata sulla base delle numerose dominazioni che ne avevano caratterizzato il passato. Questa tesi è stata strutturata in tre parti per dare un quadro, rispettivamente, del periodo storico di riferimento, del contesto linguistico e delle varianti presenti sull‟isola. In primo luogo, un chiaro quadro storico del periodo che ha visto la presenza spagnola in Sicilia è fondamentale per comprendere molte delle componenti sociali e culturali che hanno uno stretto legame con l‟evoluzione linguistica del dialetto siciliano. In questo contesto, infatti, sono stati evidenziati il ruolo di elementi come la presenza dei Viceré, dei baroni e il ruolo del feudalesimo con i suoi effetti. Inoltre, la rilevanza delle relazioni tra Stato e Chiesa e la situazione economica ha determinato un ulteriore approfondimento su questi temi. In secondo luogo, viene proposta una sintesi dettagliata degli elementi linguistici, fonetici, sintattici e semantici che caratterizzano l‟evoluzione del dialetto siciliano, anche in relazione alla storia della lingua italiana. In particolare, ampio spazio è stato dedicato ai concetti di lingua e dialetto, così come di diglossia e bilinguismo e di prestito linguistico. Inoltre, non era possibile trascurare l‟influenza di altre lingue sul dialetto siciliano e la sua evoluzione anche in riferimento al catalano, al castigliano, al toscano, ecc.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Jessica Zagami Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11018 click dal 30/04/2010.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.