Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo dell'autorità garante per la concorrenza e il mercato sulla pubblicità comparativa e ingannevole

L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato è stata istituita nel 1990 ed ha assunto sempre più importanza perché permette di tutelare non solo le imprese, ma anche i consumatori.
Infatti, prima della creazione di questa Autorità indipendente c’era una protezione assai debole, data dai soli articoli 2598-2601 del codice civile che si proponevano di combattere la concorrenza sleale.
L’ordinamento giuridico italiano dedicava solo i suddetti articoli alla tutela della concorrenza tra imprese e, in modo specifico , l’art. 2598 c.c. disponeva che “ferme restando le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1. usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l’attività di un concorrente;
2. diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinare il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente;
3. si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui azienda”.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato è stata istituita nel 1990 ed ha assunto sempre più importanza perché permette di tutelare non solo le imprese, ma anche i consumatori. Infatti, prima della creazione di questa Autorità indipendente c’era una protezione assai debole, data dai soli articoli 2598-2601 del codice civile che si proponevano di combattere la concorrenza sleale. L’ordinamento giuridico italiano dedicava solo i suddetti articoli alla tutela della concorrenza tra imprese e, in modo specifico , l’art. 2598 c.c. disponeva che “ferme restando le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1. usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l’attività di un concorrente; 2. diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinare il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente; 3. si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui azienda”. Quindi, prima del 1990, i consumatori non erano tutelati dalle pubblicità ingannevoli che potevano ledere i loro interessi o comunque pregiudicare in maniera assai forte il loro comportamento economico. Nei primi anni ’90 c’era stata una forte diffusione di mezzi di comunicazione di massa, già da tempo rappresentati dalle televisioni; in questi periodi infatti stava iniziando a prendere sempre più piede l’utilizzo di Internet e la creazione quindi di un’economia globale. Con queste nuove prospettive le imprese svilupparono le loro funzioni di 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Lissiotto Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1938 click dal 27/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.