Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing nel pallone... le strategie adottate dall'U.S. Città di Palermo. Analisi e confronto con altre realtà calcistiche italiane

La tesi è divisa in 3 parti:
La prima parte tratta del marketing sportivo in generale, la seconda parte è una ricerca che riguarda la customer satisfaction dello spettatore sportivo in riferimento alla squadra presa in esame, la U.S.Città di Palermo e la terza parte è relativa a dele case history particolarmente significative nell'ambito dello sport

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Il gioco del calcio è lo sport più diffuso e più seguito nel mondo: un gol, una vittoria all’ultimo minuto determinano una gioia incontenibile, anche in persone normalmente equilibrate. Quel pallone che rotola porta milioni di persone nelle piazze per la vittoria di un mondiale e rende possibile cose impensabili, come in Iran, dove anche le donne hanno festeggiato pubblicamente la qualificazione ai mondiali della loro squadra; supera ostacoli politici come dimostra la squadra del Sud Africa composta da giocatori bianchi e neri ma, a volte, il calcio è anche frustrazione e violenza per un rigore non dato o per una sconfitta contro una squadra odiata. Premetto, innanzitutto, che i colori rosanero mi sono entrati nel cuore fin dalla prima volta che li ho visti. Nell’anno 2003/2004, da studentessa fuorisede, arrivai a Palermo un pò spaesata e la prima cosa che notai sono stati quei magici colori un po’ sparsi ovunque: dai balconi alle statue, dai negozi ai moto ape, cosiddetti in dialetto siciliano “lapini”, 2 colori che messi accanto generano emozioni: il rosa e il nero, il dolce e l’amaro, la gioia e il dolore,…eppure forse pochi di voi sapranno che i colori con cui il Palermo cominciò a giocare, dalle origini erano rosso blu (oggi colori appartenenti alla squadra siciliana catanese che, per antonomasia è la squadra più odiata dai tifosi rosanero). L’idea della tesi nasce dalla passione e dalla rabbia: la passione per i colori rosanero e la rabbia di non vedere delle iniziative che si addicono ai tifosi, di non potere assistere agli allenamenti,… Idea che è stata spostata appieno dalla Prof. Marianna Bellafiore e dal Prof. Giovanni Caramazza (rispettivamente relatore e correlatore della tesi), grandi punti di riferimento sia durante il mio percorso universitario che nella vita di tutti i giorni, che mi hanno trasmesso dei valori che oggi è difficile trovare nella gente. Il pallone…ma cosa sarà mai? Cosa avrà di così mistico e spettacolare da fare sognare, sperare e parlare tanta gente? Cosa farà per riuscire a mettere assieme, dentro uno stadio migliaia di persone diverse tra loro? Questo magico gioco riesce a riunire, nel nome della stessa passione avvocati, professori,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Paola Tona Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 727 click dal 10/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.