Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il web 2.0 e la prassi didattica nella scuola primaria

La tesi si propone di far conoscere alcuni degli strumenti gratuiti del web 2.0 che risultano essere utilizzabili nel rinforzo motivazionale e nell'apporto alla didattica quotidiana con un inserimento costante e programmato, non sporadico.
Nell'introduzione si spiega il passaggio importante fra web 1.0 e web 2.0, cioè un passaggio dalla fruizione passiva a quella attiva del web nella prassi didattica. Nel primo capitolo si affronta la differenza fra analogico e digitale puntando sull'interattività degli strumenti digitali fondandosi su esperti come M Wesch, S. Papert, D De Kerkhove, ecc. e sull'importanza, da parte di docenti, educatori e genitori di conoscerne i principali.
Il secondo capitolo è basato completamente su un sondaggio, effettuato tramite un servizio online dal sottoscritto, sulla conoscenza e sull'uso di detti strumenti fra le categorie analizzate sopra con l'analisi dei dati. Nei capitoli successivi si passa a concretizzare ed esplorare attività già attuate attraverso alcuni strumenti immediatamente fruibili con alunni anche piccoli e con servizi gratuiti. Blog didattici e siti wiki, sotto vari aspetti, nel capitolo terzo, piattaforme e siti didattici nel quarto, nel quinto il podcast.
Questo capitolo è quello in cui viene esplorato questo mezzo, linguaggio 2.0, “User Generated Content” (contenuti generati dagli utenti) per eccellenza basato su un'esperienza attuata concretamente dal sottoscritto.Si analizzano software e strumenti non chè la progettazione didattica per ottenere dei buoni risultati. Tale capitolo deve molto all'esperienza e al testo "Didattica col podcasting" di Alberto Pian.
Un sesto capitolo, breve, viene affrontato il discorso sulla LIM (lavagna interattiva multimediale).
Nella conclusione si invita a passare dal "chalk and talk" al "touch and talk", cioè cambiare mezzi ma tenere le buone prassi didattiche nella società complessa (Popper) e per non aver paura della cultura fluida (Bauman).

Mostra/Nascondi contenuto.
Paolo Aghemo Il Web 2.0 e la prassi didattica nella scuola primaria Relatore prof. Stefano Lisi 6 Introduzione “Cuando al ocaso, ante la luz dispersa, Quieras decir inolvidables cosas” (“Quando al tramonto, di fronte alla luce diffusa, desideri pronunciare indimenticabili cose”) Limites Jorge Luis Borges

Laurea liv.I

Facoltà: Corso di Studi in Scienze dell'Educazione - Modalità FAD

Autore: Paolo Aghemo Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5788 click dal 11/05/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.