Skip to content

Effetto della distribuzione delle colture erbacee nell'intorno dei siti di nidificazione della rondine, Hirundo rustica

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Luigi Bosetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Nicola Saino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

Numerose specie di uccelli legate agli agro-ecosistemi europei hanno subito un netto calo nella consistenza delle loro popolazioni, a causa delle recenti variazioni nelle attività agricole e zootecniche. Poichè gli ambienti a cui queste specie sono legate sono ampiamente diffusi in Europa, questo declino demografico risulta preoccupante perché potrebbe determinare una rilevante perdita di biodiversità per il continente. La Rondine, Hirundo rustica, rientra nel novero delle specie in declino demografico in gran parte del continente europeo. Studi condotti in Italia a partire dall’anno 1999, ad esempio, hanno evidenziato un calo del 4,7% annuo nella popolazione di rondini. Questa specie, inoltre, essendo nota e apprezzata dalla maggior parte delle persone, è ritenuta una specie ‘carismatica’ per la conservazione della natura negli agro-ecosistemi.
Studi precedenti svolti su questa specie hanno dimostrato che le rondini prediligono, come luoghi per la nidificazione, le cascine con presenza di allevamento, e che foraggiano preferenzialmente sui prati e sulle colture erbacee in un’area molto ristretta attorno alla colonia, stimata in circa 400 m. Gli studi sinora condotti non hanno, tuttavia, evidenziato alcun effetto significativo dell’estensione delle colture attorno alla cascina sulla popolosità delle colonie. Il numero di rondini che è possibile osservare in foraggiamento decresce, però, in modo lineare allontanandosi dalla colonia. Pertanto è possibile ipotizzare che vi sia un effetto differenziale delle colture erbacee a seconda della distanza a cui esse sono posizionate rispetto alla colonia stessa, e che le rondini potrebbero prediligere, come luoghi per la riproduzione, le cascine con maggiore estensione delle colture erbacee vicino alle costruzioni rurali in cui nidificano.
Tale ipotesi è stata indagata rilevando sul campo nella primavera del 2008 i dati relativi all’estensione ed alla posizione delle colture erbacee, alla presenza di allevamento ed al numero di coppie nidificanti in 110 cascine situate nel Parco Regionale Adda Sud, ed analizzando, poi, tali dati congiuntamente a quelli rilevati su un campione di cascine variabile tra le 102 e le 170 per ciascun anno nel periodo 2000-2007. Questo studio, infatti, si inserisce in un programma di monitoraggio delle popolazioni di Rondine condotto a partire dal 1999 nel Parco Adda Sud con metodi standardizzati.
I dati così ottenuti sono stati analizzati tramite Modelli Lineari Generalizzati Misti in cui la cascina e l’anno sono stati inclusi come fattori random, mentre come predittori sono stati inclusi la proporzione di suolo con colture erbacee in due fasce attorno alla cascina (prima fascia: 0 – 200 m dalla cascina, seconda fascia: 200 – 400 m dalla cascina), un fattore indicante la presenza o l’assenza di allevamento e l’interazione tra tali variabili. I risultati ottenuti dimostrano che, nelle cascine senza allevamento, il numero delle coppie nidificanti aumenta all’aumentare dell’estensione delle colture erbacee entro 200 m di distanza dalla cascina, mentre non vi sono effetti significativi dell’estensione delle colture erbacee nella fascia tra i 200 m e i 400 m di distanza. Nelle cascine con allevamento, invece, non si ha variazione del numero di coppie in funzione dell’estensione delle colture in nessuna delle due fasce. L’effetto positivo sul numero di coppie nidificanti di una prima fascia occupata interamente da colture erbacee pare, inoltre, compensare l’effetto negativo dell’assenza di allevamento, ritenuto sinora il fattore principale nel determinare la popolosità delle colonie di Rondine. Analisi condotte tenendo anche conto dell’estensione complessiva delle colture erbacee e della loro distribuzione proporzionale nelle due fasce conferma che, a parità di estensione totale di colture erbacee, è vantaggioso per le rondini che esse siano nelle prima piuttosto che nella seconda fascia.
I risultati ottenuti confermano, quindi, le ipotesi formulate riguardo all’importanza delle colture erbacee e della loro disposizione attorno alle cascine nel determinare la popolosità delle colonie di rondine. Tale effetto non era stato riscontrato negli studi condotti precedentemente nella medesima area probabilmente perché l’estensione delle colture erbacee era stata indagata ad una scala spaziale errata. Tali risultati potrebbero anche avere risvolti importanti per la conservazione delle rondini, il cui calo demografico pare essere legato alla diminuzione dell’allevamento nell’area di studio. Se, infatti, alla dismissione dell’allevamento in una cascina corrispondesse un aumento dell’estensione delle colture erbacee entro 200 m dalla cascina stessa, allora l’effetto positivo sul numero di coppie della presenza di colture erbacee potrebbe compensare l’effetto negativo della cessazione dell’allevamento e rallentare, se non impedire, il declino della colonia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le recenti variazioni nelle attività zootecniche e agricole europee, quali l’introduzione di pratiche agricole intensive e la dismissione delle pratiche tradizionali di allevamento, hanno portato numerose specie di uccelli legate agli ecosistemi agricoli ad un netto calo nella consistenza delle loro popolazioni (Møller, 1983; Marchant et al, 1990; Peteresen & Jacobsen, 1997). Tra le specie affette da marcati cali demografici vi sono , ad esempio, il Merlo, Turdus merula L., l’Allodola, Alauda arvensis L. e lo Storno, Sturnus vulgaris L. (Siriwardena et al., 1998). Il declino demografico di queste specie e della biodiversità legata alle aree agricole è, inoltre, estremamente preoccupante in Europa dove gli agro- ecosistemi sono ampiamente diffusi, rendendo necessari interventi atti a contrastare questi preoccupanti cali(Ambrosini et al., 2002). Nella programmazione di tali interventi di conservazione delle specie legate agli ecosistemi agricoli si deve considerare che le misure da utilizzare per ridurre la perdita di biodiversità non possono prevedere pratiche agricole e zootecniche eccessivamente costose per le aziende, tali, cioè da non essere economicamente sostenibili se non tramite massicci sussidi economici. La Rondine, Hirundo rustica, è inclusa nell’elenco delle specie che hanno subìto un declino demografico in Europa, dove le popolazioni hanno subito cali demografici fino al 50% rispetto al 1972, anno in cui sono state stimati circa 220 milioni di individui (Møller, 1989; Marchant et al., 1990; Tucker & Heat, 1994; Møller & Vantsteenwegen, 1997; Donald et al, 2006; Evans et al.,2007). Studi effettuati sulle popolazioni di Rondine svolti in Italia, hanno evidenziato che il declino locale potrebbe essere iniziato già a partire dall’anno 1993 (Ambrosini et al., 2002; N. Saino, dati non pubblicati).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

campi
erba
etologia
foraggiamento
intorno
naturali
ornitologia
rondini
scienze
scienze naturali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi