Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adozione degli IAS-IFRS nelle imprese armatoriali

La tesi si propone di analizzare i bilanci delle società armatoriali, italiane ed europee, in seguito all'introduzione degli IAS-IFRS.
L'opera è struttura in maniera tale che ad ogni capitolo corrisponda un Principio contabile Internazionale, confrontato anche con quelli OIC, e come questo ha impattato sul bilancio in sede di FTA.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE Il settore marittimo è stato per lungo tempo contraddistinto dalla volatilità dei risultati: l‟applicazione degli International Financial Reporting Standards (IFRS) non ha cambiato e difficilmente cambierà, per le imprese che devono ancora adottarli, questo trend, soprattutto a causa dell‟introduzione e della valutazione di molte voci del bilancio al fair value1, che si presta alle fluttuazioni del mercato. Nonostante questo, l‟introduzione obbligatoria2 di suddetti principi per i bilanci consolidati per tutte le società con azioni quotate nell‟Unione Europea per gli esercizi che iniziano il primo gennaio 2005, ovvero dal primo gennaio 2004 per i dati comparativi, e per i bilanci d‟esercizio e per le non quotate secondo la facoltà degli stati membri3, dovrebbe essere un passo positivo verso la coerenza e faciliterebbe meglio la comparazione fra bilanci di differente nazionalità in questo settore veramente globale. Con il presente lavoro cercherò di far chiarezza sugli impatti che i Principi Internazionali hanno avuto sui bilanci delle società 1 Il fair value è il prezzo pattuito in un accordo vincolante di vendita, stabilito in un‟operazioni fra parti indipendenti, rettificato dei costi marginali che sarebbero attribuibili alla dismissione del bene. 2 Prevista dal Regolamento Europeo n. 1606/2002 approvato il 19 luglio 2002, recepito in Italia dal D.lgs. 38/2005. 3 A titolo d‟esempio, in Italia sussiste l‟obbligo a partire dal primo gennaio 2006, a differenza del Regno Unito dove l‟obbligo scatta dal primo gennaio 2007, in base all‟AIM rules.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Sivori Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 785 click dal 05/05/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.